I film horror preferiti dai vostri registi preferiti

Vi siete mai chiesti quali fossero i film horror preferiti dai vostri registi del cuore? IndieWire ha raccolto i pareri di alcuni dei più celebri e influenti cineasti, e mentre nel link in calce alla notizia potrete trovare la lista completa, noi ve ne abbiamo riportati diversi in questo articolo.

  • Guillermo del ToroEyes Without a Face

“Il personaggio principale è come una Audrey Hepburn non-morta. Mi ha influenzato parecchio con quel suo contrasto tra bellezza e brutalità. Lo scontro tra immagini inquietanti e affascinanti è stato raramente più potente [che in questo caso]. Eyes Without a Face può vantare anche una colonna sonora straordinaria!” ha dichiarato in passato Del Toro, sceneggiatore e produttore di Scary Stories To Tell In The Dark.

  • Quentin TarantinoAudition

Tarantino lo ha definito “un vero capolavoro”, e lo cita come uno dei suoi film preferiti da quando è diventato regista.

  • Martin ScorseseThe Innocents

“Questo adattamento di Jack Clayton de Il Giro di Vite è uno dei rari film che rende giustizia a Henry James. È realizzato e recitato magnificamente, girato alla perfezione (da Freddie Francis), e davvero spaventoso”. La pellicola è anche una delle preferite di Guillermo Del Toro.

  • Edgar WrightDead of Night

Preferenza che Wright condivide anche con Scorsese, che una volta disse sul film: “Un classico inglese: quattro racconti narrati da quattro stranieri misteriosamente riuniti in una casa di campagna, ognuno di loro estremamente inquietante. Il climax è un montage in cui elementi di ogni storia convergono e vengono a creare un crescendo di follia”.

  • David LoweryHereditary

“L’opera prima di Ari Aster è uno dei film più spaventosi che abbia mai visto. Sono riuscito a vederlo in anteprima a Vancouver, e quella notte in hotel ho dovuto dormire con le luci accese… Qualcosa che non mi capitava dal 2002. Ero traumatizzato […] La seconda volta che l’ho visto, invece, forse anche grazie ai miei amici che urlavano come matti, non riuscivo a smettere di ridere. Che film strepitoso. Non vedo l’ora di rivederlo ogni ottobre per il resto della mia vita” rivela Lowery.

  • Jordan PeeleMisery

“Misery è un film dove l’improbabile villain si rivela il più spaventoso. È anche una pellicola dove la paura risiede nella recitazione e nelle performance, nella sceneggiatura e nei dialoghi. Adoro quel tipo di tecnica”.

  • Luca GuadagninoThe Fly

Disse sul film il regista di Suspiria: “È un capolavoro assoluto. L’orrore per me è alla fine, quando capisci che il personaggo di Jeff Goldblum e quello di Geena Davis si amano disperatamente, ma non staranno mai insieme. Il vero orrore in quel film è l’impossibilità dell’amore tra i due”.

  • Christopher NolanAlien

“Il regista di cui sono sempre stato un grande fan… Ridley Scott, e sicuramente, fin da piccolo, Alien e Blade Runner mi hanno lasciato senza parole, perchè hanno creato questi mondi straordinari che erano totalmente immersivi” raccontò Nolan in una passata intervista.

  • Sam RaimiNight of the Living Dead

Raimi racconta di quando vide il film al cinema: “Non sono mai stato così terrorizzato nella mia vita. Urlavo e gridavo, pregavo mia sorella di portarmi a casa, e lei che cercava di zittirmi. Non avevo mai visto un horror del genere. Sembrava così reale, come un docu-.horror. […] Non sembrava un film hollywoodiano; era solo pura e inesorabile follia, e mi ha davvero sconvolto”.

  • James WanThe Others

“La pellicola di Alejandro Amenabar con Nicole Kidman ha una fotografia davvero squisita, è realizzato magnificamente, stile vecchia scuola. È davvero una delle più spaventose storie vittoriane di fantasmi che sia mai stata adattata sullo schermo”.

  • John CarpenterThe Exorcist

“Sai cosa fa davvero paura de L’Esorcista? Tutti lo sanno. È il diavolo. La prima volta che l’ho visto, ho pensato che per essere davvero efficace, questo film richiede la fede in un potere superiore. Ma da allora, ho imparato ad apprezzarlo esattamente per quello che è. L’ho rivisto di recente, e sono rimasto sorpreso dalla sua intensità”.

  • Tim BurtonThe Wicker Man

“È come uno strano musical. In realtà è uno dei film preferiti di Christpher Lee, tra quelli che ha fatto. Non ha avuto molto successo inizialmente, ma è davvero ipnotico, un film fantastico. È davvero come uno strano sogno” afferma Burton sul film.

  • Andy MuschiettiNear Dark

Il film di vampiri preferito da Muschietti, regista di IT e IT – Capitolo 2 (di cui qui trovate anche la nostra recensione) . “È stata davvero una svolta. […] Non avevo mai visto qualcosa del genere. Questi vampiri così trash erano davvero sorprendenti. E c’è parecchio dark humor, molto oscuro… Il modo in cui i vampiri giocano con le loro vittime è davvero terrificante”.

Fonte : Everyeye