Fortnite, presto online il Capitolo 2: ecco la nuova mappa e tutte le anticipazioni

L’acqua sarà l’elemento principale con fiumi e laghi e la possibilità di nuotare, pescare e guidare imbarcazioni

mappa Fortnite capitolo 2(Foto: Twitter)

Mentre il buco nero che ha inghiottito la mappa e tutti i giocatori di Fortnite continua a persistere attirando a sé centinaia di migliaia di spettatori in live su Twitter, YouTube e Twitch, iniziano ad emergere i primi dettagli sul secondo capitolo della saga con le prime immagini della mappa, un trailer e diverse succulente anticipazioni.

Il termine della Stagione 10 di Fortnite aveva fatto clamore con un’esplosione che aveva spazzato via tutto e tutti. Epic Games è riuscita a convogliare tutta l’attenzione globale creando un’aspettativa imponente e i dataminer sono stati sguinzagliati per cercare quante più indiscrezioni affidabili possibili.

Il buco nero al centro dell’attesa ha generato numeri in sequenza, frasi (“Non ero da solo. Altri sono fuori dal loop. Questo non era calcolato. Il punto zero è ora inevitabile“) e sembra si chiami Terrance. Ma dal mondo delle supposizioni emerge qualcosa di reale e tangibile come il trailer del Pass Battaglia del secondo capitolo pubblicato da Skin-Tracker su YouTube, eccolo.

[ ]

Si possono notare oggetti prendere fuoco e nuove armi, l’acqua sarà una nuova risorsa dato che si potranno governare imbarcazioni, pescare e ci si potrà tuffare nei fiumi; inoltre si potranno trasportare compagni svenuti e ci saranno nuovi modi per salire di livello, tutti da scoprire, con un limite che da 100 sarà spostato fino a 127.

E i V-Bucks e le skin che sono state spazzate via dalla grande esplosione? Si può stare tranquilli, non verranno azzerati, anche perché sono state frutto di ore e ore di fatica e, soprattutto, soldi reali spesi.

Tornando alla mappa, basta una rapida occhiata per scoprire quanto fiumi e laghi saranno importanti con una fitta rete idrologica e un’isola al centro della cartina, probabilmente legata proprio alla gigantesca esplosione. Insomma, un indizio che la nuova mappa sia un’evoluzione della prima, confermato anche dal fatto che, sì, vengono introdotti nuovi luoghi, ma la maggior parte è ben nota.

Fonte : Wired