Nicolò Maja, l’unico sopravvissuto alla strage di Samarate, vuole rivedere il padre assassino

Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

27 Gennaio 2023

Nicolò Maja è sopravvissuto alla strage di Samarate quando il padre Alessandro Maja uccise la madre e la sorella di soli 16 anni: il nonno ha fatto sapere che il 24enne chiede di poter vedere il padre.

36 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

“Nicolò vuole vedere suo padre, lo porterò sicuramente alla prossima udienza”: ad affermarlo è stato Giulio Pivetta, nonno di Nicolò Maja, unico sopravvissuto alla strage di Samarate (Varese) quando il padre Alessandro Maja lo ridusse in fin di vita dopo aver ucciso la madre e la sorella sedicenne del ragazzo. Nella giornata di oggi, venerdì 27 gennaio, si è svolta l’udienza in Corte d’Assise in Tribunale a Busto Arsizio.

Pivetta ha raccontato di aver ricevuto alcune lettere scritte dall’architetto, nelle quali ha chiesto informazioni sulle condizioni di salute del figlio. Il nonno ha affermato di aver risposto con una lettera in cui ha chiesto di spiegare “il perché e sapere a chi si riferiva quando, al momento dell’arresto, ha detto: “Li ho uccisi tutti, bastardi”.

Alessandro Maja sarà sottoposto a una perizia psichiatrica

Durante l’udienza, il presidente della Corte Giuseppe Fazio ha disposto la perizia psichiatrica, accogliendo così la richiesta della difesa. Maja sarà quindi sottoposto a un esame che verificherà la sua capacità di intendere e di volere al momento dei fatti. Nè la pubblico ministero Martina Melita né la famiglia Pivetta, che invece si è costituita parte civile nel processo, si sono opposti alla richiesta.

Leggi anche

Le prime parole di Niccolò Maja dopo la strage di Samarate: “Mamma e Giulia vivono in me”

La famiglia Pivetta ha espresso la volontà di capire se Maja sia in grado di stare in giudizio. Inoltre, durante il corso dell’udienza, ha chiesto il dissequestro della villetta in cui è avvenuto l’omicidio. All’udienza del 13 gennaio, Maja era apparso piuttosto frastornato e quasi irriconoscibile tanto da rimanere senza dire una parola e con lo sguardo fisso a terra.

36 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage