Sight & Sound sceglie un nuovo ‘miglior film della storia del cinema’: ed è già polemica

E’ arrivato quel momento dell’anno, anzi in questo caso quel momento del decennio: Sight & Sound, la celebre rivista cinematografica britannica, come da tradizione ha infatti svelato in queste ore la nuova classifica dei migliori 100 film di tutti i tempi.

La classifica viene aggiornata una volta ogni dieci anni dal 1952, e a dicembre 2022 è stata pubblicata la nuova edizione: con un colpo di scena abbastanza clamoroso, perché per la prima volta c’è stato un grosso cambiamento nella posizione cruciale, la numero uno, quella che spetta al film eletto ‘il migliore della storia del cinema’.

Nelle precedenti edizioni, la palma era spettata a Ladri di biciclette di Vittorio De Sica (1952), a Quarto Potere di Orson Welles (rimasto primo per ben cinquant’anni, nelle edizioni 1962, 1972, 1982, 1992 e 2002) e a La donna che visse due volte di Hitchcock (2012). Da questa nuova edizione, invece, cambia tutto: al primo posto della stimata classifica è stato infatti eletto a sorpresa Jeanne Dielman, 23 Quai du Commerce, 1080 Bruxelles, capolavoro della regista belga Chantal Akerman uscito nel 1975 che in tre ore e 20 minuti segue la protagonista (Delphine Seyrig), una madre single e prostituta, mentre svolge una monotona routine quotidiana. Si tratta della prima volta che il film diretto da una donna conquista la posizione numero uno della classifica della rivista: in precedenza, lo stesso film si era classificato al 36° posto nell’edizione 2012 del famoso sondaggio, atteso ogni decennio dai cinefili di tutto il mondo.

Qui sotto la top 15, per la classifica completa cliccate sul link della fonte che trovate in basso:

  1. “Jeanne Dielman, 23, quai du Commerce, 1080 Bruxelles” (Chantal Akerman, 1975)
  2. “Vertigo” (Alfred Hitchcock, 1958)
  3. “Citizen Kane” (Orson Welles, 1941)
  4. “Tokyo Story” (Ozu Yasujiro, 1953)
  5. “In the Mood for Love (Wong Kar-wai, 2001)
  6. “2001: A Space Odyssey” (Stanley Kubrick, 1968)
  7. “Beau travail” (Claire Denis, 1998)
  8. “Mulholland Dr.” (David Lynch, 2001)
  9. “Man with a Movie Camera” (Dziga Vertov, 1929)
  10. “Singin’ in the Rain” (Stanley Donen and Gene Kelly, 1951)
  11. “Sunrise: A Song of Two Humans” (F.W. Murnau, 1927)
  12. “The Godfather” (Francis Ford Coppola, 1972)
  13. “La Règle du Jeu” (Jean Renoir, 1939)
  14. “Cléo from 5 to 7” (Agnès Varda, 1962)
  15. “The Searchers” (John Ford, 1956)

Questa, invece, la top 10 votata dai registi (la top 100 è sempre disponibile nel link della fonte):

  1. 2001 Odissea nello spazio
  2. Quarto potere
  3. Il padrino
  4. Viaggio a Tokyo
  5. Jeanne Dielman
  6. Vertigo
  7. 8 e mezzo
  8. Lo specchio
  9. Persona
  10. In the mood for Love (a pari merito con Close Up di Abbas Kiarostami)

Naturalmente non sono mancate le critiche e le polemiche, come sempre con ‘il gioco’ delle classifiche, che hanno movimentato gli ambienti critici sui social e non. Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti.

Fonte : Everyeye