R.E.M., Peter Buck su una probabile reunion: “Abbiamo deciso insieme di smettere, ed è stata una grande esperienza”

Peter Buck, chitarrista degli R.E.M. e fondatore della band con Michael Stipe, che ha conosciuto nel 1980 quando lavorava nel negozio di dischi più importante di Athens, Georgia, ha parlato per la prima volta della decisione delle band di sciogliersi dopo 30 anni di carriera e quindici album nel settembre del 2011. Dopo l’uscita di Collapse Into Now, gli R.E.M. hanno scritto un comunicato che ha fatto storia: “Come amici e cospiratori di una vita, abbiamo deciso di mettere fine alla nostra storia come band. Ce ne andiamo con un grande senso di gratitudine e stupore per tutto quello che siamo riusciti ad ottenere”.

Già al tempo dell’uscita dell’album nel marzo 2011, Michael Stipe aveva detto: “Sono le ultime parole che canto. Nella mia immaginazione, è come se parlassi con un bambino di nove anni e gli dicessi: vengo da un posto lontano chiamato ventesimo secolo. Questi sono i valori, gli errori che abbiamo fatto e i trionfi. Queste sono le cose da cui imparare”. Gli R.E.M. si sciolgono nel momento in cui sono diventati una delle band più importanti del mondo, aggiungendosi ad una lista di gruppi che hanno scelto l’autenticità rispetto al successo, sciogliendosi quando erano al massimo, dai The Clash ai Dire Straits. Nonostante il pubblico sogni il loro ritorno, Peter Buck ha confermato che la decisione è definitiva: “Quando le cose non musicali sono diventate così intense, mi hanno portato via tutto il piacere” ha detto in una nuova intervista con Classic Rock Magazine. “E’ stato bellissimo suonare davanti a tantissime persone e vendere milioni di dischi, ma non è mai stato il motivo per cui l’ho fatto. Arriva un momento in cui dici: non ho voglia che mi venga scattata un’altra foto, non voglio fare finta di essere un attore in un video anche se non so recitare. Abbiamo deciso insieme di smettere, ed è stata una grande esperienza.” Peter Buck è fiero della carriera dei REM: “Non cambierei nulla, ma non tornerei neanche indietro.

Anche Michael Stipe ha confermato che gli R.E.M. non torneranno mai indietro, e sono contenti di aver lasciato quando erano al massimo.

Ci sono ancora degli inediti nascosti negli archivi, come ha detto il bassista degli R.E.M., Mike Mills: “Non sono completi, ci sono cose che girano qua e là ma non sono molte. Se valesse la pena pubblicarli lo avremmo già fatto.”

Fonte : Virgin Radio