Violenta una 14enne in una scuola abbandonata

Ha un nome e un volto l’uomo che lo scorso 26 ottobre avrebbe abusato sessualmente di una 14enne italiana, mentre l’adolescente dormiva nella stanza che l’uomo aveva messo a disposizione della stessa e di alcuni suoi amici. La violenza sessuale avvenne ad Ostia (Roma). Teatro degli abusi denunciati è una scuola abbandonata di cui l’uomo è custode, che fino a quel momento aveva ospitato una struttura della protezione civile. A finire in manette un 40enne nordafricano. Dopo aver trascorso la serata ad Ostia, l’uomo, che collaborerebbe con i volontari della protezione civile come guardiano dell’edificio, ha accompagnato il gruppo di amici nel locale e li ha invitati ad entrare.

Stanchi per la lunga serata trascorsa, i giovani si sono addormentati. Poi, all’improvviso, un urlo, quello della giovane che ha accusato l’uomo di averla toccata e palpeggiata nelle parti intime. Gli amici, allarmati dalle urla, si sono resi conto di quanto stava accadendo. Allontanatisi dal rifugio hanno immediatamente provveduto ad allertare le forze dell’ordine. La polizia ha rintracciato l’uomo che nel frattempo si era allontanato, in procinto di prendere un autobus, e lo ha identificato.

A conclusione delle indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Roma, gli agenti hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal gip del tribunale di Roma, nei confronti del 40enne maghrebino, gravemente indiziato del reato di violenza sessuale.

Fonte : Today