A sei anni dalla chiusura, iniziano i lavori al centro culturale

Sono iniziati i lavori di riqualificazione al centro culturale di Settecamini, uno dei quartieri incastonati lungo la via Tiburtina, nel municipio Roma IV. Ad annunciarlo è stato il minisindaco Massimiliano Umberti: “Abbiamo ereditato un rudere, doneremo ai cittadini del nostro municipio una struttura di pregio e polifunzionale”. Non si è fatta attendere la replica del Movimento Cinque Stelle, al governo del Tiburtino fino alle scorse elezioni: “Invece che intestarsi meriti non suoi, la nuova Giunta spieghi come ha potuto mettere a rischio l’incolumità dei cittadini fino al 2016 facendo finta di non vedere e perché in 12 mesi di mandato non ha preteso la continuazione del cantiere” ha detto la capogruppo pentastellata Roberta Della Casa. 

Quella del centro culturale di Settecamini è una storia di abbandono che viene da lontano e risale al dicembre del 2016. Di lì a poco avrebbe dovuto esserci l’inaugurazione dello spazio poi rinviata – dalla giunta Della Casa – a data da destinarsi fino ad essere annullata a causa di problemi strutturali. “I locali sono inagibili”: una verità amara per gli abitanti del quartiere che ha messo una pietra tombale sulla struttura per molto tempo. Nel 2018, l’allora opposizione di via Tiburtina con Emiliano Sciascia tuonava: “Abbiamo scoperto che per la riparazione sono necessari 600mila euro ma in due anni non sono stati ancora nominati i tecnici per una verifica sullo stabile”. Nel 2019 dall’assessorato alla cultura del Municipio IV annunciavano un appalto in essere per la progettazione dei lavori. A luglio dello stesso anno, l’ex sindaca Virginia Raggi con un post su Facebook annunciava l’avvio dei lavori subito dopo l’estate.

Nulla di fatto, i lavori non partirono neppure dopo il mese di settembre, indicato dalla ex maggioranza del tiburtino come data utile per la pubblicazione della gara. A luglio dell’anno successivo è stata Roberta Della Casa, questa volta, ad annunciare l’avvio dei lavori per l’autunno del 2020 ma nulla, nessuna ruspa ha oltrepassato il cancello di via di Settecamini. Poi il lockdown, le elezioni e l’inizio della nuova consigliatura. Con l’entrata degli operai all’interno della struttura, la riqualificazione dell’immobile può dirsi avviata. I lavori riguarderanno l’impianto di raccolta delle acque meteoriche, delle opere interne, gli impianti elettrici. “I lavori riprendono perché tutte le procedure erano state avviate” ha concluso Della Casa. 

Fonte : Roma Today