Naomi, tutto quello che c’è da sapere sulla serie tv ispirata all’eroina DC Comics

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

Siamo abituati a supereroi “di una certa età”, anche se quasi sempre non sembrano accusare il peso del tempo. La prima apparizione di Spider-Man va fatta risalire ad esattamente sessant’anni fa mentre Batman esiste ormai addirittura dal 1939. Anche Superman e Hulk sono in giro ormai da un po’ ma non pensiate che, con una tale abbondanza di supereroi, si rinunci a crearne di nuovi. Naomi McDuffie esiste sulla pagina da soli tre anni eppure, in un tempo così breve, è già riuscita a guadagnarsi una serie televisiva a lei dedicata. La prima (e per ora ultima) stagione dello show arriva ora finalmente in Italia. Ma di cosa parla Naomi? E chi c’è dietro la sua realizzazione?

Chi è Naomi

Superman & Lois, Michael Bishop è Jonathan Kent

Era il 2019 quando il leggendario Brian Michael Bendis decise di unire le forze con David Walker e il disegnatore Jamal Campbell per creare un nuovo personaggio. Naomi McDuffie prende il cognome da un compianto fumettista e rappresenta una delle più recenti  e felici addizioni all’universo supereroistico DC. Naomi ha una grande forza nel suo corpo ma, quando la conosciamo, non è ancora conscia di quello che può fare e delle origini dei suoi poteri. È un’adolescente come tante, che ama i fumetti e cura un sito web dedicato a Superman. Tutto scorre normalmente nella sua vita finché a Port Oswego non si verifica un evento soprannaturale. Sarà proprio Naomi con la migliore amica Annabelle a cercare di capire di più sul fenomeno. Scavando su quanto accaduto però, la nostra eroina finirà per scoprire molto su di sé, sulle sue origini e sulla vera natura di chi la circonda. La serie tratta dal comic ricalca più o meno la trama delle storie a fumetti, mischiando il period drama con il mistero e ovviamente il racconto supereroistico. La serie è stata prodotta dalla CW, la rete già dietro prodotti come The Flash e Superman & Lois, e può contare sul coinvolgimento della regista candidata all’Oscar Ava DuVernay.

Giovane e forte

DuVernay, che ha co-creato la serie assieme a Jill Blankenship, ha potuto contare anche sul pieno supporto degli inventori di Naomi Bendis e Walker. I due hanno spinto in prima persona lei e Blankenship a fare loro il personaggio, senza paura di tradire l’essenza di Naomi. A raccontarlo è stata la stessa regista di Selma, presentando Bendis e Walker come “il contrario della mascolinità tossica”. “Hanno detto ‘Questa è la nostra bambina, prendetela e crescetela nel modo in cui desiderate’. Sono stati adorabili nel fidarsi… Si tratta di un grande regalo che ci hanno fatto come artisti e creatori. Ci hanno dato tutto in mano, dicendoci: ‘Guarda, non abbiamo intenzione di interferire in questo processo. Amiamo Naomi e ci piacerebbe vedere come viene fuori nelle mani di due donne. Prendetela e fatene una cosa vostra’”. DuVernay e Blankenship hanno sfruttato questa libertà per cerare una serie comunque fedele al materiale originale, da cui emerge il personaggio di un’adolescente tosta ma in cui è facile rivedersi.

Ad interpretare Naomi sullo schermo è la giovane Kaci Walfall, vista anche a Broadway nel musical tratto da Il Re Leone. È proprio lei a disegnare il ritratto di una ragazza moderna e sicura di sé, che va sullo skateboard e conosce diverse lingue. “Penso che ci siano così tanti aspetti che rendono Naomi un personaggio in cui è facile immedesimarsi”, ha detto l’attrice che, per prepararsi al ruolo, ha letto tutti i fumetti sul personaggio usciti finora. Con lei nel cast dello show ci sono diversi nomi già conosciuti agli amanti delle serie tv, come Alexander Wraith (Orange Is the New Black, Marvel’s Agents of SHIELD), Barry Watson (Settimo Cielo) e Mary-Charles Jones (Grey’s Anatomy).

Purtroppo non sembra che, dopo i primi tredici episodi, ci sia una nuova stagione all’orizzonte. Ma chissà, magari dopo la fine del secondo arco di fumetti da solista, qualcuno potrebbe aver voglia di riprendere in mano il personaggio di Naomi. Non disperate.

Fonte : Sky Tg24