Trapianti, convegno esperti: “Investire su assistenza post-intervento”

“In Italia ci sono circa 8mila pazienti che attendono un trapianto, ma purtroppo appena la metà di questi interventi viene effettuato. Questo significa che ci sono lunghi tempi di attesa”, sottolineano gli esperti

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Si è tenuto martedì 11 ottobre nella sede di Regione Lazio il convegno dal titolo “La donazione, una ricchezza che non va mai sprecata”, che ha visto la presenza di rappresentanti istituzionali, esperti del settore e associazioni, interrogarsi sui dati dell’infezione da Citomegalovirus che, in media, ogni anno colpisce un paziente su tre in lista di attesa per un trapianto. Dai dati emerge che solo il 50% di questi, annualmente, viene sottoposto a intervento. Sottolineare l’importanza dell’assistenza post-trapianto, lo sviluppo e la condivisione di dati e ricerche utili alla prevenzione, erano gli obiettivi dell’incontro.

Parola agli esperti

Dall’Australia arriva una tecnica che moltiplica i trapianti di cuore

Massimo Cardillo, direttore generale del Centro Nazionale Trapianti (CNT) dell’ISS, ha aperto il convegno, sottolineando come “in Italia ci sono circa 8mila pazienti che attendono un trapianto, ma purtroppo appena la metà di questi interventi viene effettuato. Questo significa che ci sono lunghi tempi di attesa, che per alcuni organi comportano anche il 10% di mortalità in lista. Un tema sul quale occorre fare un salto in avanti, implementando il coordinamento ospedaliero della donazione, riorganizzando gli ospedali, avviando una campagna di comunicazione ai cittadini, perché in Italia abbiamo ancora il 30% delle persone che si oppongono al

%s Foto rimanenti

Fonte : Sky Tg24