Ritorno al futuro, la reunion tra Christopher Lloyd e Michael J. Fox al Comic Con di NY

I due attori si sono ritrovati, dandosi appuntamento alla kermesse newyorkese per emozionare tutti i fan con un’attesissima reunion del film cult. Christopher Lloyd e Michael J. Fox, 83 e 61 anni (e rispettivamente dottor Emmet Brown e Marty McFly) hanno ricordato i vecchi tempi. Si sono abbracciati, facendo emozionare tutti quanti. E hanno raccontato molti aneddoti che ancora non erano stati svelati

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

I fan di Ritorno al futuro mettano subito mano al fazzoletto perché la reunion tra Christopher Lloyd e Michael J. Fox al Comic Con di New York non lascerà scampo nemmeno ai cuori più aridi: la lacrimuccia di commozione è d’uopo, anzi è inevitabile. Siamo pronti a scommetterci.

I due attori si sono ritrovati, dandosi appuntamento alla kermesse newyorkese per emozionare tutti quanti con un’attesissima reunion del film cult. Christopher Lloyd e Michael J. Fox, 83 e 61 anni (e rispettivamente dottor Emmet Brown e Marty McFly, anche se è superfluo specificarlo) hanno ricordato i vecchi tempi, dopo quasi quarant’anni dal primo film (uscito nel 1985 e diretto da Robert Zemeckis).

Lloyd e Fox si sono incontrati al Javit’s Centre di New York (presso cui da giovedì 6 ottobre a domenica 9 ottobre si è svolto il festival Comic Con).

Hanno parlato della saga che li ha consacrati a leggende viventi del grande schermo, cogliendo l’occasione per rivelare qualche gustoso aneddoto che ancora non conoscevamo, capitato sul set tra un ciak e l’altro o anche ben prima (come quando la madre di Michael J. Fox lo pregò di non accettare la parte).

Impossibile non cominciare a piangere fin dal tema musicale di Ritorno al futuro, la musica orchestrale composta dal mitico Alan Silvestri che ascoltiamo prima che sul palco escano i protagonisti. Il primo a entrare è Michael J. Fox, seguito poco dopo da Lloyd. Quando i due spontaneamente si abbracciano è davvero qualcosa di devastante a livello emotivo, guardare per credere (trovate il video completo in fondo a questo articolo).

Questa reunion arriva sulla scia del musical teatrale basato sul film originale, lo show attualmente in programmazione a Londra. L’intenzione è quella di farlo arrivare anche a Broadway il prossimo anno.

Dopo aver elogiato il progetto, Fox (che ha combattuto a lungo contro il morbo di Parkinson) ha condiviso con il pubblico il motivo per cui era così importante per lui presentarsi di persona al NYCC: “Ragazzi, mi avete dato tutta la vita”, ha dichiarato Fox, prima di aggiungere che non avrebbe cambiato la sua diagnosi se gliene fosse stata data la possibilità. “La cosa migliore che è successa nella mia vita è stata questa cosa. Il Parkinson è un dono. Ho detto alle persone che è un dono e loro dicono: ‘Sei matto.’ Dico: ‘Sì, ma è il dono che continuo a ricevere.’ Ma è un regalo e non lo cambierei per niente… Non si tratta di quello che ho, ma di quello che mi è stato dato”.

Prima di concludere il panel, ai due è stato chiesto di lasciare al pubblico alcune perle di saggezza. Nello stile di Doc Brown DOC (passateci il gioco di parole tra Doc e DOC nel senso “di origine controllata”) Lloyd ha pronunciato una sua battuta da Ritorno al futuro parte III, dicendo al pubblico: “Il tuo futuro è ciò che ne fai, quindi rendilo buono!”

Da parte sua, Fox ha condiviso una citazione dal suo film preferito, Il dottor Stranamore di Stanley Kubrick: “Non puoi combattere qui, questa è la stanza della guerra”. E ha detto alla folla di emozionatissimi fan che gli stavano di fronte che non importa quanto le cose diventino folli: basta “riprendere il respiro , vai avanti e vai avanti”.

In fondo a questo articolo potete guardare l’intero panel del Comic Con 2022 di New York intitolato alla reunion tra Michael J. Fox e Christopher Lloyd.

Michael J. Fox ha annunciato che è morta sua madre

“Next stop, Christmas”, il film con Christopher Lloyd e Lea Thompson

Purtroppo l’occasione è stata anche quella per dare un annuncio molto triste: Michael J. Fox ha rivelato di avere recentemente perso sua madre.
Phyllis – questo è il nome di sua mamma – è scomparsa lo scorso 24 settembre all’età di 92 anni. L’attore ha cercato di sdrammatizzare la notizia luttuosa condividendo un racconto divertente: sua madre non era assolutamente d’accordo sul fatto che il figlio negli anni Ottanta (a soli 23 anni) girasse Family Ties di giorno e Ritorno al futuro di sera, in contemporanea.

 “Avevo 23 anni, l’ho chiamata e le ho detto: ‘Vogliono che faccia questo film di Stevan Spielberg, ma dovrò farlo di notte’. Lei mi ha detto ‘Sarai troppo stanco’”.

Nonostante le rimostranze di sua madre, alla fine Michael J. Fox ha deciso di seguire il proprio istinto. E con tutto il rispetto per la signora Phyllis, Michael ha fatto bene: la sua scelta gli ha permesso di fare la storia del grande schermo.

“Fino a oggi… beh fino a due settimane fa… mia madre ha sempre pensato che per me fare Ritorno al futuro fosse una pessima idea. Adorava il film ma, aveva ragione, mi sono stancato” ammette l’attore.

Fox in sostituzione di Eric Stoltz

Ritorno al futuro ha ora un musical, ecco il trailer. VIDEO

Il panel è iniziato con il ricordo di come Micheal J. Fox sia stato chiamato a sostituire Eric Stoltz, originariamente scelto per interpretare Marty McFly.

Poco più di un mese dopo l’inizio delle riprese, è arrivata la chiamata a Micheal. Lloyd ricorda perfettamente quando gli è stata annunciata la sostituzione, perché è arrivato dopo una serie di riprese notturne dedicate al momento in cui Doc Brown finalmente decifra il codice per viaggiare nel tempo. “L’annuncio – all’una del mattino dopo che stavamo girando per sei settimane – era che l’attore che interpretava Marty non avrebbe più interpretato Marty e che domani avremmo iniziato a girare con Michael”, ha raccontato Lloyd.” Sentivo di essere riuscito a malapena a superare le [prime] sei settimane e ora avrei dovuto farlo di nuovo?!”

La “chimica immediata” scattata tra Michael J. Fox e Christopher Loyds sul set

“Lavorare con Chris è stata la parte migliore di questo film”, ha affermato senza se e senza ma. “Perché è semplicemente geniale”, ha aggiunto.

Fox ha definito “un brivido” lavorare al film e in particolare avere l’onore di farlo con Lloyd, aggiungendo che ogni volta che ha avuto modo di recitare in una scena con il collega quella è stata una “buona giornata”.

Oltre alle foto scattate durante l’evento, il video della coppia che si riunisce è stato condiviso sui social media (dove sta macinando visualizzazioni, commenti e like).  

Fox è salito sul palco per primo, davanti a Lloyd che si è poi unito al suo ex co-protagonista. Il dolce momento è stato accolto con un sacco di applausi dal pubblico, che non è riuscito a trattenere l’emozione nel vedere il mitico duo abbracciarsi.
Tra lui e il vincitore di un Emmy Christopher Loyds, oggi 83enne, scattò un’empatia davvero incredibile. Entrambi hanno riconosciuto come tra loro due sia scattata sul set una vera e propria “chimica immediata”, la stessa che ha fatto capolino anche ora, su quel palco.

“La chimica c’era fin dalla prima scena che abbiamo girato. Era viva ed è rimasta tale per tre film”, ha aggiunto Lloyd. “Non è mai andata via (quella chimica), comunque”.

Lloyd si è portato via dal set una T-shirt come ricordo

%s Foto rimanenti

Fonte : Sky Tg24