Wired Next Fest, cosa fare sabato 8 ottobre

Ad aprire il pomeriggio di sabato nella sala Cattedrale ci sarà l’esibizione live di Emma Nolde, che interpreterà un disco che lei stessa ha definito “una collezione di canzoni personalmente necessarie”, prodotto da Francesco Motta. Più tardi ci saranno Chiara Lalli, giornalista e docente di Storia della medicina e Deontologia alla Sapienza, e Filomena Gallo, avvocata cassazionista e segretaria nazionale dell’associazione Luca Coscioni, che parleranno di eutanasia, aborto e campagna referendaria online. A seguire, sarà la volta di Emanuela Fanelli, attrice e comica che dal 2020 partecipa al programma Una pezza di Lundini, con Valerio Lundini, in onda su Rai 2.  A presentare Meta Oversight Board, ci sarà Dex Hunter-Torricke, il vicepresidente di global communications e public engagement. Joseph Naklè, fondatore e presidente di Peacox basket Milano Asd, e Priscilla, parleranno di diritti lgbtqia+ nel mondo dello sport e dello spettacolo, e Stefano Rapone, comico, autore televisivo e fumettista. Guido Scorza, componente del Garante per la protezione dei dati personali, e Veronica Barassi, antropologa, sensibilizzeranno su privacy e trattamento dei dati online con focus sull’intelligenza artificiale. Sempre sul tema della protezione dei dati sensibili interverrà anche Isabela Dias Fernandes, direttrice esecutiva di Tor Project da novembre 2018. 

Tra i musicisti saranno anche presenti i Verdena, che nel pomeriggio di sabato rilasceranno un’intervista in esclusiva sul nuovo album, Volevo magia, e il cantautore, polistrumentista e produttore discografico Manuel Agnelli. Mona Seif, biologa molecolare anglo-egiziana, cofondatrice di No Military Trials for Civilians in Egitto, insieme a Marina Petrillo, giornalista e scrittrice, e a Sara Hejazy, a farà il punto su cosa è rimasto dei movimenti della primavera araba, iniziata 10 anni fa. Chiuderanno gli interventi del pomeriggio I soliti idioti,  la coppia comica composta da Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, e il live dei The Zen Circus, che porteranno al Wired Next Fest alcuni dei brani più amati dal pubblico, contenuti anche nell’ultimo album, Cari fottutissimi amici, uscito a maggio 2022.

Sala Colonne

Gli incontri nella sala Colonne si apriranno con Marcello Ascani, youtuber, content creator e imprenditore, che sarà con i ragazzi del progetto di Audi We generation, di cui è mentore. A seguire, Alessio Del Bue, ricercatore responsabile del laboratorio Pavis dell’istituto italiano di Tecnologia a Genova, si occuperà di spiegare l’impiego dell’intelligenza artificiale per il sociale. Gabriele Balbi, professore associato in media studies presso l’università della Svizzera italiana a Lugano, invece, analizzerà e smaschererà i miti e le leggende dell’era digitale. Subito dopo, sul palco del Wired Next Fest saliranno Nicola Tasco, avvocato tributarista e Presidente di Lazio Innova Spa, società per l’innovazione e lo sviluppo del Lazio. In seguito, il tiktoker Arnold parlerà dei momenti con la sua famiglia che quotidianamente condivide con i suoi follower. La mattinata di sabato si concluderà con Davide Dattoli, fondatore e amministratore delegato di Talent Garden, che spiegherà come si allena un difensore digitale, con Elena Garbujo, country manager Italy di Swappie da marzo 2021, che parteciperà al festival in qualità di esperta in strategie di marketing per il mercato italiano con una grande attenzione all’innovazione, alla tecnologia e, soprattutto, alla sostenibilità, e con Sara Jaffe, giornalista indipendente, analizzerà sul palco del Wired Next Fest le cause e gli effetti della great resignation. 

Fonte : Wired