Covid, gli esperti su Omicron BQ.1.1: “È troppo presto per prevedere una nuova ondata”

Le parole di Massimo Zollo, coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge di Napoli: “Troppo presto per dire che BQ.1.1 è in grado di generare una nuova ondata”

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Secondo il genetista Massimo Zollo, coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge di Napoli, sarebbe ancora troppo presto per dire se la nuova variante della famiglia Omicron, la BQ.1.1, già nota come ‘Cerberus’, potrebbe provocare una nuova ondata dell’epidemia da Covid-19. In questo momento, secondo l’esperto, meriterebbero maggior attenzione le mutazioni della proteina N, una proteina interna al nucleo del virus Sars-CoV-2.

Il tweet di Roemer

Covid, variante Centaurus: efficacia dei vaccini

A sollevare l’attenzione sulla BQ.1.1 era stato un

%s Foto rimanenti

Fonte : Sky Tg24