Squadra di calcio paga il pizzo per giocare

Il pizzo si chiede anche per giocare a calcio. È quanto emerge dall’inchiesta che ha portato oggi i carabinieri del gruppo di Torre Annunziata (Napoli) ad eseguire un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro soggetti ritenuti vicini al clan Gionta. Sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso ed estorsioni, aggravati sia dalle modalità mafiose sia dall’agevolazione del sodalizio criminale operante tra Torre Annunziata e le zone limitrofe. Gli episodi estorsivi riguarderebbero anche la squadra dilettantistica di calcio locale Savoia Calcio, con i dirigenti costretti a pagare 130mila euro per poter far giocare la squadra nel campionato di Eccellenza. Il pizzo sarebbe stato richiesto dagli emissari dei Gionta tra novembre 2021 e maggio 2022. Gli episodi estorsivi per i quali si procede sarebbero stati commessi anche ai danni di un elettricista (in forma tentata) della società sportiva Savoia Calcio e del titolare di una rivendita di pesce.

Fonte : Today