Long-Covid, disturbi psichiatrici crescerebbero del 20% a un anno dal contagio

Lo rivela uno studio italiano pubblicato Revista de psiquiatría y salud mental, condotto dall’Università di Udine. Esaminati 472 pazienti tra marzo e maggio 2020. Perché non bisogna sottovalutare la salute mentale

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Secondo i risultati del primo studio prospettico condotto dall’Università di Udine, il Covid-19 farebbe aumentare di oltre il 10,2% i sintomi di disturbi psichiatrici nei dodici mesi successivi alla malattia, e del 20% altri sintomi come la mancanza di concentrazione e di attenzione. Con i segnali dell’infezione che diminuiscono a un anno dal contagio, aumenterebbero però depressione, ansia e insonnia. La ricerca è stata condotta su un campione di 472 pazienti reclutati tra marzo e maggio 2020, dimostrando come il 47,2% dei pazienti presentava almeno un sintomo del Long-Covid a distanza di un anno.

La salute mentale in Italia

Ro.Mens, al festival della salute mentale di Roma

La

%s Foto rimanenti

Fonte : Sky Tg24