Federico Negri arrestato in India, il 17 ottobre l’udienza per scarcerazione: non pagò tassa di 40 euro

4 Ottobre 2022

Si terrà il 17 ottobre la prima udienza per la scarcerazione di Filippo Negri, volontario 28enne arrestato a luglio in India. Il giovane non pagò una tassa di 40 euro per l’ingresso nel Paese.

388 CONDIVISIONI

Si terrà il 17 ottobre l’udienza per la scarcerazione di Federico Negri, il ragazzo italiano arrestato in India dopo aver attraversato un ponte dal Nepal senza pagare la tassa di ingresso. A occuparsi del caso sarà l’avvocato Claudio Falleti, incaricato dalla famiglia del giovane volontario di Pozzolo Formigaro (Alessandria).

Il 28enne è stato arrestato nel luglio scorso nello Stato indiano dell’Uttar Pradesh per non aver pagato 40 euro di tassa di soggiorno per attraversare il ponte che collega il Nepal all’India. Da allora è detenuto nel carcere indiano insieme ad altri 5 turisti stranieri.

Dopo diversi tentativi di mediazione portati avanti dall’Italia anche tramite il legale Falletti, è stata finalmente stabilita l’udienza che potrebbe decretare la sua scarcerazione. L’avvocato ha seguito la vicenda con l’aiuto di un collega indiano che si è occupato di fornire assistenza al 28enne in carcere. Con il suo aiuto, infatti, il giovane ha potuto comunicare con i genitori e informarli sulle sue condizioni di salute.

Leggi anche

Saman Abbas, il racconto del cugino: “Uccisa con una corda, fatta a pezzi e gettata nel Po”

In un’intervista rilasciata a Fanpage.it, la mamma aveva raccontato che, poco prima dell’arresto, il figlio le aveva appena comunicato di voler tornare in Italia dopo due anni in giro per il mondo.

“Mi ha detto che non vedeva l’ora di riabbracciarci tutti – aveva spiegato – e io ero felice. Pochi minuti dopo però è stato arrestato per presenza non autorizzata sul territorio. Lui è incensurato e non è di certo un terrorista. Ha sbagliato perché le leggi vanno rispettate sempre, ma non può rischiare dai 2 agli 8 anni di carcere per questo motivo. Sappiamo che sta bene solo grazie ai racconti dell’avvocato indiano che si sta occupando di fornirgli assistenza”.

La famiglia di Federico aveva manifestato l’intenzione di recarsi in India in vista della prima udienza utile.

388 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage