10 novità in arrivo a breve su iOs 16

iOs 16 ha debuttato portando in dote numerose novità che migliorano l’esperienza su iPhone come per esempio la possibilità di personalizzare in modo più profondo la schermata di sblocco, ma anche la capacità di modificare messaggi inviati con iMessage senza dimenticare le migliore nella modalità Focus. Entro la fine dell’anno, però, sono in arrivo ancora più funzioni che attualmente sono in fase di test nelle versioni beta. Ecco le dieci novità più interessanti in arrivo su iOs 16 e da tenere d’occhio.

La tanto apprezzata visualizzazione della percentuale numerica della batteria sbarcherà anche su iPhone più vecchi come iPhone XR, iPhone 11, iPhone 12 mini e iPhone 13 mini. Visto che è comune che un nucleo famigliare condivida lo stesso spazio di archiviazione, Apple sta preparando le cartelle di foto condivise su iCloud così da creare una raccolta a disposizione di tutti gli utenti autorizzati per aggiungere, rimuovere o modificare. Anche le app di terze parti potranno sfruttare le attività in tempo reale con aggiornamenti live su qualcosa in corso d’opera, da visualizzare sulla schermata di sblocco oppure nella Dynamic Island su iPhone 14 Pro e Pro Max. Il servizio Apple Fitness+ sarà disponibile a tutti gli utenti su iPhone anche senza possedere un Apple Watch, seppur perdendo informazioni come battito cardiaco o calorie bruciate in tempo reale. Lo standard Matter sarà presto supportato su iPhone (così come anche iPad e i Mac) per collegare gli accessori di domotica compatibili a un ecosistema diffuso che abbraccia anche Google Hom e Alexa di Amazon.

La trasparenza adattiva dei rumori di fondo già vista sui nuovi AirPods Pro 2 sarà portata anche a bordo delle cuffie AirPods Max con iOs 16.1. Per la produttività arriverà Freeform ovvero una sorta di lavagna pensata per brainstorming e idee collaborative in libertà, supportando Apple Pencil e chiamate tramite FaceTime. Apple Music Classical è un servizio dedicato appunto alla musica classica, che non è affatto un mercato di nicchia, ma anzi interessa milioni di persone in tutto il mondo; l’acquisizione del servizio Primephonic nell’agosto 2021 ha aperto questo nuovo canale prossimo all’ufficialità. È per ora invece soltanto destinata a Canada e Usa la richiesta sos di emergenza via satellite, sfruttando la capacità dei nuovi iPhone 14 di comunicare direttamente con le strumentazioni in orbita; non è ancora chiaro se e quando questa funzione arriverà anche da noi così come la ricarica green della batteria solo nei momenti in cui la rete elettrica può garantire le minori emissioni, altra esclusiva statunitense.

Fonte : Wired