Lazio-Spezia 4-0: Poker biancoceleste, all’Olimpico non c’è storia. Cronaca, commento e pagelle della partita

La Lazio vince per 4 a 0 contro lo Spezia grazie alle reti di Zaccagni, Romagnoli (meraviglioso il suo primo gol con la maglia capitolina) e Milinkovic-Savic (doppietta). Non c’è storia all’Olimpico con i biancocelesti padroni del campo già dai primi secondi di gara. La Lazio segna e si diverte, domina e rischia quasi nulla. Una prova convincente per gli uomini di Sarri, in continuo possesso palla veloce e puntale, che restano nelle zone nobili della classifica. Con questo successo la Lazio trova la sua terza vittoria consecutiva in campionato, striscia mai raggiunta lo scorso anno. Unica nota stonata della giornata laziale Ciro Immobile che sbaglia un calcio di rigore e non incide in zona gol, cosa più unica che rara per il bomber laziale. 

Lazio-Spezia, la cronaca

Dopo appena 40 secondi la Lazio conquista un calcio di rigore con Immobile. Dal dischetto però il capitano biancoceleste sbaglia calciando alto. Al settimo Lazzari salva la Lazio respingendo quasi sulla linea un tiro a botta sicura di Kiwior. Al 12esimo la Lazio passa in vantaggio con Zaccagni. Splendida azione del 20 biancoceleste che semina il panico fra i difensori avversari e poi chiude alla grande l’uno-due con Felipe Anderson con un puntuale tap-in. Al 24esimo la Lazio raddoppia con uno splendido gol al volo col mancino in girata di Alessio Romagnoli che poi esulta baciando lo stemma sotto la Curva Nord. Al 36esimo su azione da corner con un colpo di testa Milinkovic colpisce la traversa. Al 37esimo Bastoni vicino al gol con un tiro dalla distanza col mancino. Un minuto dopo Caldara di testa per poco non trova la porta di Provedel. Nella ripresa la Lazio cala il tris con Milinkovic: lancio illuminante di Luis Alberto per Immobile che salta il portiere serve Zaccagni che a sua volta assiste il serbo che non può sbagliare. Al 71esimo Provedel evita a Gyasi la rete della bandiera spezzina. Nel recupero Milinkovic con un pallonetto sigla la sua doppietta e e il poker laziale.

Tabellino e pagelle

Lazio (4-3-3): Provedel 6,5; Lazzari 7 (dal 64’ Hysaj 6,5), Patric 6 (dal 46’ Gila), Romagnoli 7, Marusic 6; Cataldi 6 (dal 78′ Marcos Antonio s.v.), Milinkovic-Savic 7, Luis Alberto 6,5 (dal 73’ Vecino 6); Felipe Anderson 7, Immobile 5,5 (dal 64’ Pedro 6), Zaccagni 7,5. All.: Martusciello (vice) 7

Spezia (5-3-2): Dragowski 6; Holm 6, Nikolau 5,5, Caldara 6, Ampadu 4 (dal 65’Amian 6), Kiwior 5 (dall’81’ Beck s.v.); Bourabia 5,5 (dal 65’ Ekdal 6), Ellertsson 6 (dal 65’ Aguelo 6), Bastoni 6; Nzola 5,5, Gyasi 5,5 (dal 75′ Sanca s.v.). All.: Gotti 5

Marcatori: 12’ Zaccagni (L), 24’ Romagnoli (L), 61’, 91′ Milinkovic-Savic (L)

Ammoniti: Ampadu (S), Gyasi (S)

Arbitro: Sacchi 

I top e flop biancocelesti

Milinkovic-Savic 8: Gigante del centrocampo. Dopo gli assist si mette in proprio e sigla una doppietta. Campione.

Zaccagni 7,5: Con una super giocata sblocca la partita e con l’assist per Milinkovic la chiude. Determinante. 

Romagnoli 7: Indimenticabile giornata per il difensore. Perfetto in difesa, trova il suo primo gol la maglia della sua squadra del cuore con uno splendido sinistro a volo. 

Immobile 5,5: La partita del capitano biancoceleste è macchiata dall’errore dal dischetto ad inizio partita. 

Fonte : Roma Today