La Regione revoca 36 progetti edilizi tra Roma e Fiumicino: recuperati 32 milioni di euro

Non solo Tor Pagnotta. La Regione Lazio il 29 settembre ha revocato altri contributi regionali, in totale 36, per altrettanti progetti edilizi di cooperative e ditte inadempienti. Si tratta di 32.000.000 di euro recuperati tramite sei delibere di giunta approvate su proposta dell’assessore all’urbanistica Massimiliano Valeriani. 

I finanziamenti erano stati concessi dalla Regione, pari a 6,5 milioni di euro nell’ambito del programma “20.000 alloggi in affitto”, un programma sperimentale di edilizia residenziale varato dal governo ormai nel 2001. I contributi recuperati negli ultimi anni riguardavano la realizzazione complessiva di quasi 1.000 nuovi alloggi nel comune di Roma e 36 nel comune di Fiumicino.

A Roma erano previsti interventi edilizi a Borghesiana, Monte Stallonara, Colle Fiorito e La Storta, tutti piani di zona. La maggior parte delle revoche è dovuta alla sopravvenuta perdita dei requisiti richiesti alle imprese, che non devono trovarsi in procedura di fallimento o in liquidazione, oppure alla costituzione di società di intermediazione immobiliare, con cui volevano assegnare gli alloggi, prevedendo una provvigione da parte degli acquirenti.

“L’amministrazione regionale è intervenuta per cancellare e riacquisire i fondi assegnati a coloro che non hanno rispettato gli adempimenti normativi – le parole di Valeriani -, salvaguardando gli interessi di tanti cittadini che hanno investito nell’acquisto di una casa. Questi provvedimenti di revoca hanno già permesso di recuperare circa 32 milioni di euro, che verranno integrati con ulteriori risorse regionali per mettere a disposizione oltre 50 milioni di euro da investire nell’acquisto di patrimonio edilizio già disponibile con l’obiettivo di aumentare in tempi brevi l’offerta abitativa e favorire lo scorrimento delle famiglie in graduatoria”. 

Fonte : Roma Today