OPPO Reno8 Pro, uno smartphone potente che non passa inosservato

Abbiamo provato il nuovo smartphone di punta della casa cinese. Tra le caratteristiche che più ci hanno convinto la qualità delle foto, un software veloce e scattante e una ricarica ultra-veloce della batteria che stupisce

Un form factor molto interessante, una batteria che si ricarica in un batter d’occhio, un comparto fotografico di tutto rispetto. Sono le caratteristiche di OPPO Reno8 Pro, smartphone di punta dell’azienda cinese per il periodo autunnale e pre-natalizio e “fratello maggiore” dell’interessante Reno8 Lite che avevamo provato durante l’estate. Uno smartphone presentato a fine agosto a Parigi insieme al tablet OPPO Pad Air, alla partnership con la UEFA Champions League e a dati molto interessanti che riguardano l’Europa, dove dall’ingresso del 2018, ci spiegano, OPPO è diventato uno dei primi quattro marchi di smartphone. “Sono davvero felice di dare il benvenuto in Italia alla famiglia di smartphone Reno8“, ha detto a Sky TG24 Isabella Lazzini, Chief Marketing Officer OPPO Italia. “Sono sicura – ha aggiunto – che la nuova serie sarà in grado di conquistare e incontrare il gusto di tantissimi italiani, come lo è stato per tutti i suoi predecessori: Reno8 infatti fa parte della famiglia Reno che ha riscontrato dal suo lancio più di 80 milioni di dispositivi commercializzati in tutto il mondo”. Abbiamo portato con noi OPPO Reno8 Pro in giro per l’Europa, ecco com’è andata dopo tre settimane di prova.

OPPO Reno8 Pro ci ha convinto per design e prestazioni

Le caratteristiche principali

OPPO Reno8 Lite, il medio gamma che convince

Lo stile di questo smartphone può piacere o non piacere, a noi ha colpito per eleganza e innovazione: OPPO Reno8 Pro, infatti, è composto da un design unibody (è, dunque, un corpo unico) che integra, nella parte posteriore sinistra, il comparto fotocamera a rilievo all’interno di un quadrato che non passa inosservato. La cover è realizzata con un processo di forgiatura a caldo a 800° e otto diversi processi di lucidatura su scala nanometrica. Dal peso di circa 180 grammi e con uno spessore di 7,3 millimetri OPPO Reno8 Pro è molto comodo e leggero da impugnare, nonostante le sue dimensioni generose con il display da 6,7 pollici, ed è distribuito nei colori Glazed Green (quello in verde che abbiamo provato noi) e Glazed Black. Molto buono il display, luminoso e con colori sempre naturali: si tratta di un AMOLED con frequenza di aggiornamento fino a 120Hz e cornice ultrasottile. A dirigere le operazioni, un processore MediaTek Dimensity 8100-MAX, una memoria Ram da 8 gigabyte (espandibili lato software fino a 13) e uno spazio di archiviazione di 256 gigabyte. OPPO ci ha da sempre abituati a un’ottima gestione della batteria e soprattutto della ricarica: sul Reno8 Pro è presente una batteria da 4.500 mAh che nelle nostre prove ci ha accompagnato sotto sforzo per circa un giorno e mezzo e con un utilizzo normale per due giorni interi anche grazie a una buona modalità di risparmio energetico. Impressionante la ricarica: grazie alla tecnologia SUPERVOOC da 80W lo smartphone con il caricabatterie incluso (certamente un po’ ingombrante) si ricarica – nella nostra prova – da completamente scarico al 37% in soli 10 minuti, fino al 75% in 20 minuti mentre per raggiungere il 100% ci vogliono appena 35 minuti. Inoltre, ci spiegano da OPPO, grazie al Battery Health Engine il dispositivo è in grado di mantenere fino all’80 per cento della capacità originaria della batteria anche dopo 1.600 cicli di ricarica completa, mentre tutto il comparto è protetto dal sistema Safe Fast-Charge System a cinque livelli.

Le foto scattate con OPPO Reno8 Pro

Il comparto fotografico

NOW

Fonte : Sky Tg24