Tumore dell’ovaio, progetto Toward di Acc: “Esiti rivoluzionari”

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

Nuovi possibili passi in avanti nella lotta contro il tumore dell’ovaio, di cui solo in Italia si registrano oltre 5mila diagnosi ogni anno, nella maggioranza dei casi in fase avanzata.
I risultati preliminari dello studio Toward, di Alleanza Contro il Cancro – la rete oncologica nazionale del Ministero della Salute -, definiti “rivoluzionari” dal responsabile del progetto, il professor Maurizio D’Incalci, potrebbero aprire la strada alla diagnostica in fase precoce.

I risultati nel dettaglio

Scoperto processo di sviluppo del tumore ovarico più aggressivo

Al momento, come sottolineato in una nota di Acc, non esistono programmi di screening scientificamente affidabili per la diagnosi precoce di questa tipologia di tumore.
“Disponiamo di un’evidenza nuova: siccome il tumore dell’ovaio, nella maggior parte dei casi, cresce preliminarmente nella tuba, pensiamo sia possibile poter recuperare dal pap-test tracce iniziali di cellule responsabili della formazione del tumore. Siamo in possesso di prove retrospettive che attestano alterazioni molecolari risalenti anche a dieci anni prima della diagnosi di neoplasia che riteniamo, dicevo, essere all’origine della formazione del tumore”, ha riferito il responsabile del progetto, Maurizio D’Incalci, dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano. “Pur valutando gli esiti dello studio inediti e positivi, è doveroso anteporre della prudenza che saremo in grado di lasciarci eventualmente alle spalle terminate le fasi di validazione retrospettiva, e prospettica”, ha aggiunto, per poi sottolineare: “Esistono pur tuttavia le premesse per pensare di riuscire a fare qualcosa di veramente importante: la diagnostica in fase precoce, infatti, potrà consentirci di salvare tantissime donne perché la malattia presa in tempo è guaribile nella maggioranza dei casi”.   

Al lavoro team multidisciplinare

Lo studio è frutto del lavoro di un team di diversi ricercatori dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano, tra cui i biologi Sergio Marchini e Lara Paracchini, i bioinformatici Laura Mannarino e Luca Beltrame in collaborazione con Cristina Bosetti, statistica dell’Istituto Mario Negri, di tanti altri clinici, come Robert Fruscio dell’ospedale San Gerardo di Monza, Paolo Zola della Rete Oncologica Piemontese, e dei ginecologi oncologi di otto dei ventotto istituti coordinati da Alleanza Contro il Cancro, fra cui il Gemelli di Roma, il CRO di Aviano e la Fondazione Pascale di Napoli. Gli oneri di ricerca sono stati sostenuti da Acc e dalla Fondazione Alessandra Bono che continuerà con il proprio contributo anche nei prossimi anni.

Fonte : Sky Tg24