Omar Confalonieri, il racconto delle altre quattro vittime: “Così ci ha drogato e violentato”

Agente immobiliare arrestato per stupro a Milano

23 Settembre 2022

Altre quattro vittime accusano Omar Confalonieri, l’agente immobiliare finito in carcere con l’accusa di violenza sessuale, di essere state drogate e abusate.

0 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Agente immobiliare arrestato per stupro a Milano
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Altre quattro donne hanno raccontato al giudice dell’udienza preliminare Stefania Pepe di essere state drogate e violentate da Omar Confalonieri, l’agente immobiliare che è stato arrestato a novembre e condannato a sei anni e quattro mesi per aver drogato una coppia di clienti a Milano e aver poi violentato una donna. Lo scorso luglio, l’uomo era stato destinatario di un’altra ordinanza di custodia cautelare con l’accusa di aver abusato e drogato altre cinque donne.

La donna drogata e violentata in casa

La prima è stata ascoltata lo scorso lunedì: la 27enne avrebbe raccontato di essere stata abusata da Confalonieri e la moglie che anche lei è indagata per due dei cinque episodi. Le altre quattro donne sono state ascoltate dal gup durante l’incidente probatorio chiesto dal procuratore aggiunto Letizia Mannella e dal pubblico ministero Alessia Menegazzo.

La prima donna, che adesso ha 46 anni, ha raccontato che l’episodio sarebbe avvenuto nel 2015. Confalonieri aveva iniziato a frequentare lei e il suo compagno per un comune interesse per il ciclismo.

Leggi anche

Droga una coppia e stupra la donna: Omar Confalonieri giudicato capace di intendere e di volere

Una delle vittime era minorenne

A gennaio, durante una serata, l’agente immobiliare avrebbe drogato lei e il marito con un sonnifero sciolto in un liquore. Dopodiché, una volta stordita, la donna sarebbe stata violentata in casa sua e del compagno. Un’altra donna, che adesso ha quarant’anni, ha raccontato di essere stata drogata e violentato a luglio 2012.

La droga sarebbe stata messa all’interno di un arancino. Il modus operandi è stato confermato da tutte e cinque le donne. Una di loro però avrebbe inoltre detto detto che all’epoca dei fatti sarebbe stata minorenne.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage