Volley A2 femminile, per la Roma Volley Club il test di Firenze è positivo

Gli allenamenti congiunti sono un’occasione importante per creare un sistema di gioco e affinare le intese fra i membri di un team. Così è stato per le Wolves, che ieri hanno portato a casa il primo successo stagionale nell’amichevole contro il Bisonte Firenze (2-3) di Massimo Bellano, insieme a tante indicazioni utili su cui lavorare nelle prossime settimane di lavoro.

Ad ospitare le capitoline, è stata una squadra militante in massima serie attualmente a ranghi ridotti con ben sette giocatrici impegnate nella rassegna mondiale. Ciò non ha impedito alle formazioni in campo di svolgere una sessione di qualità. La seduta si è svolta in cinque set, partendo dal parziale di 7-7, e ha visto le romane partire contratte nelle fasi di ricezione. Con il primo set nelle mani delle padrone di casa (25-22), i tre successivi sono stati vinti dalle giallorosse (22-25; 23-25; 18-25), questa volta più composte anche a muro e incisive in attacco soprattutto con Bici e Ciarrocchi. L’ultimo set è tornato alle fiorentine (25-21), sempre alla luce della formula di gioco stabilita dai due allenatori.

Coach Cuccarini ha ruotato tutte le giocatrici a sua disposizione, permettendo al gruppo di amalgamarsi ancora più a fondo oltre che verificare le condizioni di ciascuna giocatrice.

Bechis e compagne sono tornate in palestra con l’ottica di preparare l’altra amichevole in programma martedì 27 settembre alle ore 17 contro la Pallavolo Perugia, squadra di serie A2, presso il Palazzo dello Sport di Frascati.

Simone Maurilli, scoutman della Roma Volley Club:

“Al di là del risultato che è positivo e che fa sempre piacere, ieri abbiamo iniziato a vedere dei meccanismi su cui abbiamo lavorato molto in questa fase preliminare dei lavori. L’amichevole è stata utile sia per il piacere di avere conferma che il lavoro in palestra sta dando i primi risultati, sia per constatare il margine di crescita su cui lavorare nelle prossime settimane. Per quanto riguarda il gruppo, ha dimostrato un atteggiamento che ci è piaciuto molto dal punto di vista agonistico, sono state partecipi, hanno comunicato molto fra di loro. Questo è arrivato sia dalle giocatrici che hanno giocato di più, sia dalla panchina coinvolta.”

Fonte : Roma Today