Fred De Palma ci trasporta nel mondo reggaeton e il suo concerto è pura “Extasi”

Musica, ritmo, tanti amici e voglia di divertirsi: alla festa di Fred De Palma non manca nessuno. L’artista da ventiquattro dischi di platino e quattro d’oro soltanto in Italia torna in concerto: porta i suoi successi, ma anche i tanti amici con cui ha condiviso questo viaggio fino ad oggi. Sul palco del Fabrique di Milano, gremito, salgono Baby K, Boro Boro, VillaBanks, Rose Villain. E con Emis Killa e Lazza scatta un freestyle che infiamma il pubblico. Lo show in una parola? Extasi! 

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

Di riconoscimenti, nella sua carriera, Fred De Palma ne ha ottenuti molti. Ma nessun disco di platino o d’oro potrà mai sostituire l’amore e il sostegno del pubblico, che si può toccare con mano soltanto con un concerto dal vivo. Ed è quello che è accaduto al Fabrique di Milano, dove il live di De Palma, oltre ad essere una festa imperdibile, si è trasformato in un abbraccio a ciascuno dei presenti. “Vorrei stare con voi tutta la notte” ha ripetuto più volte l’artista durante il suo show, quasi a non voler lasciare nemmeno per un istante ciascuno dei presenti. E così è stato. Perché De Palma, in quasi due ore di concerto e trenta canzoni (con medley e soprese) non ha mai perso di vista chi era lì con lui, pronto a cantare e muoversi a ritmo delle melodie reggaetonere. Ma non solo! Perché, insieme agli amici Emis Killa e Lazza, Fred si è scatenato in un freestyle che il pubblico ha seguito a tempo (e con tanti applausi).

Nessuno in disparte, nessuno in silenzio

Fred De Palma eleva il reggaeton a cultura: è un progetto Unico

Sul palco due chioschi che, all’occorrenza, distribuiscono shot di tequila. Palme. Ballerine reggaetton. E per qualche istante ci si chiede: “Ma siamo davvero a Milano o Fred De Palma ha portato tutti a Copacabana?” Sì, siamo al Fabrique, ma con i ritmi e le atmosfere siamo stati catapultati in Sudamerica. Complici anche i successi (e non solo in Italia) delle collaborazioni con Anitta, Justin Quiles, Sofia Reyes e Ana Mena che hanno garantito a Fred un posto importante nel mercato latino posizionandosi tra i pochi italiani sul podio dei singoli più ascoltati in un paese straniero.

E poi, all’improvviso…Baby K, VillaBanks, Rose Villain, Boro Boro, Emis Killa e Lazza!

Il suo concerto è un viaggio nel tempo e nello spazio, e ogni tanto sul palco arriva qualche amico a rendere ancora più bella una serata che è già magica. La prima sorpresa è Baby K, che canta “Dio benedica” e conferma che oltre ad una collaborazione musicale, con Fred De Palma c’è un indissolubile legame di amicizia, che rende ancora più speciale la musica creata insieme. La seconda parte del concerto è un tripudio di sorprese: prima Emis Killa, che con Fred divide il palco sulle note di “Tutto quello che ho”, poi Boro Boro con “Uebe” a cui si aggiunge anche VillaBanks per “El amour”. Neanche il tempo di riprendersi che arriva Rose Villain e intona “Au revoir”. Poi partono le note di “Mala” e al Fabrique irrompe Lazza, tra urla e applausi che non sembrano finire mai. E poi, un’altra sorpresa: un freestyle tra Killa, Lazza e De Palma. Anche qui ci si chiede? Ma Fred ci ha trasportati in un’altra parte del mondo? No, non serve. Perché i talenti sono qui, a Milano. Raccontare quello che sono riusciti a fare non è facile, ma ci limitiamo ad usare un aggettivo: esplosivo, che rende l’idea.

Extasi!

%s Foto rimanenti

Fonte : Sky Tg24