Crollo Globe Theatre, si indaga sulla tragedia sfiorata. Da Comune pronta commissione tecnica

Il bilancio è stato clemente: 12 feriti, di cui nessuno in gravi condizioni. Una fortuna se si analizzano le immagini del crollo della scala del Globe Theatre di Roma. appena terminato uno spettacolo per una scolaresca abruzzese in gita nella capitale. La macchina dei soccorsi, come ha spiegato l’assessore alla sanità laziale Alessio D’Amato, ha funzionato. Dei dodici feriti, tre sono stati portati in ospedale in codice rosso ma per “dinamica”. Uno scrupolo in più, ma nessuno di loro è in gravi condizioni. 

Gualtieri: “Va fatta chiarezza”

Tuttavia che qualcosa a livello strutturale sia andato storto è un fatto e anche il sindaco Roberto Gualtieri lo ha sottolineato: “È chiaro che qualcosa non ha funzionato, bisognerà capire se qualcosa è stata sbagliata, va fatta chiarezza. I vigili del fuoco hanno fatto i rilievi e poi ci sarà l’inchiesta della magistratura”.

In procura l’informativa è attesa nelle prossime ore. “Il direttore organizzativo del teatro mi ha spiegato che a maggio 2021 sono stati realizzati dei lavori di manutenzione che erano necessari per ricevere l’agibilità che è stata poi concessa regolarmente nel giugno del 2021”, ha detto Gualtieri.

L’agibilità dura due anni, quindi i successivi interventi e verifica erano previsti per maggio 2023. “Tiriamo un sospiro di sollievo perché non ci sono feriti gravi – prosegue Gualtieri – ma è inaccettabile che una scolaresca che si reca a teatro per vedere il Macbeth debba rischiare la vita per un crollo di una scala. Auspico che l’inchiesta faccia luce”.

Campidoglio istituirà commissione tecnica

Gualtieri ha anche aggiunto che l’incidente determinerà la chiusura del teatro: “Adesso gli interrogativi sull’agibilità delle scale sono concreti. I teatri devono essere sicuri”. Secondo quanto trapelato nella serata di ieri, inoltre, è intenzione del Campidoglio istituire una commissione tecnica, affidata al capo di gabinetto, Alberto Stancanelli.

L’obiettivo sarà quello di verificare il rispetto degli obblighi della convenzione sottoscritta tra Roma capitale e il Teatro di Roma e il conseguente rapporto tra il Teatro di Roma e la Società Politeama Srl che gestisce la stagione teatrale, al fine di accertare eventuali responsabilità.

globe theatre-7

Lo spettacolo e la tragedia sfiorata

La mattinata di ieri, tuttavia, per molti dei giovani studenti sarà indelebile. Lo spettacolo è alle fasi conclusive. L’attore sul palco recita l’atto finale di Macbeth e arrivano gli applausi del pubblico. Un battimani che precede di qualche minuto il rumore delle assi di legno crollate e le urla dei ragazzi. La scala dell’ultimo anello del teatro cede e dodici persone, tra studenti e professori rimangono ferite con vari traumi e contusioni. Tra di loro ci sono ragazzi di 16 e 17 anni del liceo ‘Saffo’ di Roseto degli Abruzzi’, nel teramano, che in mattinata erano andati in gita al Globe Theatre.

Le testimonianze

Aldilà dello spavento, il racconto dei liceali che improvvisamente non hanno “più sentito il pavimento sotto i piedi”, è lucido. “Stavamo scendendo le scale per uscire e hanno ceduto mentre alcuni di noi le stavano percorrendo e sono caduti. È successo tutto in pochi attimi”, hanno riferito ai soccorritori gli studenti. Altri aggiungono ancora sotto choc: “abbiamo sentito le urla dei nostri compagni e visto crollare tutto, è stata una frazione di secondo. Dopo il boato c’era la scala a pezzi con dei ragazzi sotto. Qualcuno piangeva per la paura”.

Una docente dell’istituto teramano, che ha accompagnato alcuni dei 140 ragazzi delle scolaresche partite in tre pullman dall’Abruzzo, ha spiegato che “gli alunni sono caduti tra le travi da un’altezza di circa tre metri, dal terzo al secondo piano”.

Gli studenti hanno spiegato che non c’è stato un grosso rumore perché la scala si è staccata per intero e ha fatto rumore solo quando ha toccato terra. Il 112 regionale ha inviato in poco tempo i soccorsi e i vigili del fuoco hanno fatto in modo di evitare ulteriori crolli. L’epilogo sarebbe potuto essere di gran lunga peggiore. Ore la programmazione teatrale è sospesa e l’area è posta sotto sequestro in attesa delle indagini.
 

Fonte : Roma Today