A Roma l’unica scuola calcio per ciechi d’Italia: “In campo siamo liberi”

Mercoledì pomeriggio, periferia di Roma. In un piccolo campo in erba sintetica una dozzina di ragazzi e ragazze inseguono un pallone. “Er capitano” si chiama Michela. Tifosa sfegatata della Roma, ha 25 anni e il numero 10 sulle spalle: “Avere la palla tra i piedi è qualcosa di spettacolare, vorrei che tutti i ragazzi e le ragazze non vedenti venissero a provare questo sport”. L’allenamento finisce, la scritta sulle sponde a bordo campo spiega lo sport a cui si riferisce: “Blind football”, calcio cieco.

Abbonati per guardare il servizio completo

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante…

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Fonte : Roma Today