Harry Potter: il Cappello Parlante prevede il futuro? La nuova teoria dei fan

Nel corso della saga di Harry Potter non ci viene mai spiegato nel dettaglio il funzionamento del Cappello Parlante: il misterioso manufatto si basa, in teoria, sulle qualità degli studenti per deciderne le sorti durante lo Smistamento, ma siamo proprio sicuri che ci prenda sempre? E se, in realtà, la decisione derivasse da altri fattori?

Una nuova teoria, ad esempio, ritiene che il Cappello Parlante sia in grado di vedere il futuro degli studenti esaminati: questo, in effetti, spiegherebbe il motivo di alcune scelte, ad esempio quella di mandare in Grifondoro personaggi come Ron Weasley e Neville Paciock, decisamente non il massimo del coraggio all’epoca del primo anno, ma che coraggiosi si sarebbero senz’altro dimostrati più avanti.

La teoria, comunque, non manca di qualche falla: pensiamo a Peter Minus, ad esempio, smistato anch’egli in Grifondoro ma certamente non un cuor di leone, come avrebbe dimostrato più avanti piegandosi senza opporre resistenza al volere di Voldemort e arrivando a vendere addirittura i suoi stessi amici al terribile mago oscuro.

Molto più plausibile, dunque, è l’idea che il Cappello riesca a vedere anche le qualità più nascoste degli studenti, pur con il rischio di prendere qualche cantonata (che il nostro, sia ben chiaro, continuerà a non ammettere neanche sotto minaccia). Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti! Un’altra teoria, intanto, parla dell’importanza di Bathilda Bath per l’ascesa di Voldemort.

Fonte : Everyeye