Area B Milano: orari 2022, mappa e chi può circolare

1 Settembre 2022

L’area B di Milano prevede un divieto di accesso e circolazioni per i veicoli vecchi, che inquinano maggiormente e che superano una lunghezza di dodici metri L’area B, che comprende ben 186 varchi d’accesso, scatta il lunedì e termina il venerdì: l’orario di divieto è dalle 7.30 alle 19.30.

0 CONDIVISIONI

Foto di repertorio

Che cos’è l’Area B? E il mio veicolo può o non può circolare? Sono queste le domande frequenti che molti cittadini si pongono a Milano. In risposta alla prima, basti sapere che l’area B è una zona a traffico limitato che prevede un divieto di accesso e circolazioni per alcuni veicoli. Questa limitazione scatta il lunedì e dura fino al venerdì: durante questi giorni, non è possibile accedere alle aree dalle 7.30 alle 19.30.

L’Area B comprende un’ampia parte e comprende ben 186 varchi d’accesso: coloro che non possono accedere in questa zona, sono soprattutto i veicoli più vecchi e quindi che inquinano maggiormente e quelli che superano una lunghezza di dodici metri. La decisione di istituire l’Area B nasce dal superamento di alcuni limiti di qualità dell’aria soprattutto quelli relativi al Pm 10: l’Area B, stando a quanto riportato dal Comune, interviene sul 60 per cento delle emissioni atmosferiche annue, riducendole. Qualora non venisse rispettata l’area B, si incorrerà in una sanzione che potrà essere tra i 163 e i 658 euro.

Per alcune tipologie di veicoli il Comune id Milano ha inoltre alcune deroghe ai divieti: tra questi troviamo i veicoli alimentati a gasolio euro 4: per loro l’entrata in vigore del divieto in Area B è stata posticipata all’1 ottobre 2022.

Leggi anche

Vaiolo delle scimmie, in arrivo altri 2.840 vaccini per la Lombardia

Mappa e orari dell’Area B di Milano

Come specificato all’inizio, l’area B è attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 e fino alle ore 19.30. Non è quindi attiva né il sabato e né nei giorni festivi. Questa zona, comprende gran parte del territorio cittadino. In totale sono presenti ben 186 varchi d’accesso e il Comune di Milano, a tal proposito, ha dedicato sul sito una mappa che consente di individuarli.

Mappa e varchi dell’Area B a Milano”

Chi può circolare in Area B a Milano

Solo alcuni veicoli possono circolare all’interno dell’Area B. Tra quelli adibiti per le persone potranno circolare i veicoli Euro 5 e 6 benzina GPL, metano, bifuel, ibride ed elettriche. Tra gli autoveicoli che trasportano cose potranno accedere i veicoli euro 5 ed euro 6 benzina e i gpl, metano, bifuel, ibridi ed elettrici.

Tra i ciclomotori e motoveicoli, possono circolare quelli a due tempi di classe Euro 5, a benzina 4 tempi di classe Euro 4 e Euro 5. Tra gli altri veicoli, troviamo: i velocipedi senza obbligo di registrazione, le ambulanze senza obbligo di registrazione perché sono riconoscibili grazie alla targa, i veicoli delle Forze Armate e quindi della polizia, della Locale, dei Vigili del fuoco. Con loro anche quelle della Croce Rossa, degli Ospedali, di Ats o ancora della Protezione civile.

Ancora tra coloro che possono accedere ci sono i veicoli con il contrassegno disabili sia rilasciato dal Comune di Milano (il titolare deve essere a bordo) che quelli, il cui contrassegno è stato rilasciato fuori Milano. In questo caso, la targa deve essere comunicata prima dell’utilizzo attraverso la registrazione obbligatoria. Ancora i veicoli che sono adibiti per i trasporti specifici per il trasporto di disabili motori: anche in questo caso bisogna registrarsi al servizio online, come previsto dal sito del Comune di Milano. Infine i veicoli di proprietà o in uso esclusivo a Enti riconosciuti dal Comune di Milano o da altre istituzioni che agiscono nel settore dell’assistenza socio sanitaria che devono espletare prestazioni gratuite di pronto soccorso e di assistenza pubblico. Anche in questo caso bisognerà registrarsi al servizio online Area B.

Veicoli non ammessi in Area B a Milano

Tra i veicoli non ammessi, per il trasporto di persone troviamo:

  • Euro 0, 1 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel senza FAP
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4
  • Euro 3 diesel con FAP di serie e campo V.5 > 0,025 g/km o senza valore
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, 1, 2, 3
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market installato dopo 31/12/2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4

Entro l’1 ottobre 2022, il divieto sarà esteso anche:

  • Euro 2 benzina
  • Euro 4 diesel senza FAP
  • Euro 4 diesel con FAP di serie e campo V.5 > 0,0045 g/km o senza valore
  • Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,0045 g/km
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro 31/12/2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Euro 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31/12/2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Euro 5 diesel

Tra gli autoveicoli che trasportano cose, troviamo invece:

  • Euro 0, 1 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1) senza FAP
  • Euro 0, I, II, III diesel pesanti (N2-N3) senza FAP
  • Euro 3 diesel leggeri con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro III diesel pesanti (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,02 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 3 leggeri diesel (N1) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Euro III pesanti diesel (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1) con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4
  • Euro 0, I, II, III pesanti (N2-N3) con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro IV
  • Euro 0, 1, 2, 3 leggeri (N1) diesel e Euro 0, I, II, III (N2-N3) con FAP after-market installato dopo 30/04/2019 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4 – IV
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0,1,2,3 Euro I,II,III

Anche in questo caso, dall’1 ottobre 2022 scatteranno nuovi divieti per:

  • Euro 4 leggeri diesel (N1) e Euro IV pesanti (N2-N3) senza FAP
  • Euro 4 leggeri diesel (N1) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Euro IV pesanti diesel (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Euro 4 leggeri (N1) diesel e Euro IV (N2-N3) con FAP after-market installato dopo 30.04.2019 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4 – IV

Per quanto riguarda gli autobus, i divieti interessano solo i veicoli:

  • M2, M3 benzina di classe Euro 0, I
  • M3 TPL diesel di classe Euro 0, I, II senza FAP
  • M2, M3 non TPL diesel di classe Euro 0, I, II senza FAP
  • M2, M3 diesel di classe Euro III senza FAP
  • M2, M3 Euro III diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,02 g/kWh oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • M2, M3 Euro III diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • M2, M3 Euro 0, I, II, III diesel con FAP after-market, installato dopo 31/12/2018, con classe massa particolato inferiore a Euro IV
  • M2, M3 a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0,I,II,III

Anche per questa categoria, dall’1 ottobre 2022 scatteranno i divieti per

  • M2, M3 diesel di classe Euro IV senza FAP
  • M2, M3 Euro IV diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh oppure senza valore (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • M2, M3 Euro IV diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro IV

Infine per i ciclomotori e motoveicoli, il divieto in vigore vale per quelli a due tempi Euro 0, 1 e per quelli a gasolio Euro 0,1.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage