Us Open, i risultati di oggi: vincono Murray, De Minaur e Garin

Primi assaggi di partite di secondo turno agli US Open e prime conferme. Tra le teste di serie ancora nel tabellone maschile, da segnalare la vittoria di Alex de Minaur su Cristian Garin. I due si erano già affrontati un paio di mesi fa agli ottavi di finale di Wimbledon e il cileno aveva rimontato uno svantaggio di due set e un break per raggiungere il primo quarto di finale Slam in carriera. A New York l’australiano si è preso la rivincita, non prima, però, di essersi complicato la vita da una situazione di 6-3, 6-0, 4-2 e break di vantaggio, chiudendo poi 6-2 al quarto set. Quattro set necessari anche per il vincitore nel Masters 1000 di Montreal, Pablo Carreno Busta, contro il sempre insidioso ed eclettico kazako Alexander Bublik, che si era aggiudicato il primo parziale e che non ha sfruttato sei set point e un vantaggio di 5-3 nel tiebreak del quarto set.

Murray si regala Berrettini

Tra le mine vaganti, spicca la vittoria del campione a Flushing Meadows nel 2012, Andy Murray, tra l’altro prossimo avversario di Berrettini. Lo scozzese ha sconfitto in rimonta la wild card di casa Emilio Nava, che aveva vinto, di pura generosità e grazie a un set point sfruttato con una magia di solo polso, un primo parziale durato 90 minuti, prima di non riuscire più a sostenere il palleggio sempre velenoso di un Sir Andy stoico in difesa. 

Tabellone femminile: out Sakkari, ok Jabeur e Gauff

Nel tabellone femminile, la sorpresa di giornata è l’eliminazione della testa di serie numero 3, Maria Sakkari, sconfitta dalla numero 75 nel ranking WTA, Xiyu Wang che si è imposta in rimonta con il punteggio di 3-6, 7-5, 7-5. La greca è stata sovrastata per lunghi tratti di partita dalle fiammate in lungolinea prodotte dalla classe 2001 cinese, sempre propositiva tatticamente, nonostante i 12 doppi falli e i 35 errori non forzati, compensati da altrettanti vincenti. Alla Sakkari, che difendeva i punti conquistati con la semifinale raggiunta un anno fa, rimane il rimpianto di aver sprecato un break di vantaggio nel terzo set, tradita soprattutto dal dritto e progressivamente meno solida in fase difensiva. Avanza, invece, ma senza brillare, Ons Jabeur, cinica contro la wild card di casa Elizabeth Mandlik. Sovrastata fisicamente e tatticamente fino al 5.4, 30-15 e servizio, la tunisina è stata cinica nel capire la tensione accusata dalla figlia della quattro volte campionessa Slam, Hana Mandlikova, vincendo tre game consecutivi e aggiudicandosi il primo set 7-5. Secondo parziale più agevole per la finalista di Wimbledon, al netto di un passaggio a vuoto sul 3-1, subito cancellato da due break: al terzo turno la Jabeur affronterà un’altra statunitense, Shelby Rogers, vittoriosa in due set sulla slovacca Kuzmova. Qualche esitazione anche per Coco Gauff: vinto agevolmente per 6-2 il primo set, la testa di serie numero 11 è stata costretta a inseguire per quasi tutto il secondo parziale, tanto da dover annullare due set point a una Ruse che è stata avanti 5-4, 40-15 e servizio, prima di chiudere la partita al tiebreak senza aver bisogno di un terzo set. La statunitense ha commesso otto doppi falli e 25 errori non forzati, a fronte di 19 vincenti. Non il miglior biglietto da visita per prepararsi al derby di terzo turno contro Madison Keys, protagonista di una rimonta thriller ai danni di Camila Giorgi da uno svantaggio di 2-5 nel terzo set fino al 10-7 con cui la finalista agli US Open nel 2017 si è imposta sull’italiana.

Fonte : Sky Sport