James, l’idraulico che ripara gratis tubi e caldaie ai meno fortunati: “È il mio lavoro”

Un idraulico sta sciogliendo i cuori del Regno Unito dopo che ha rivelato che ripara gratis tubi e caldaie di clienti meno fortunati. James Anderson, 52 anni, afferma di aver aiutato migliaia di persone bisognose da quando ha chiuso la sua attività privata e lanciato l’azienda senza fini di lucro, Depher. La sua generosità è venuta alla ribalta dopo che una sua fattura relativa ad una sua riparazione a favore di una donna di 91 malata di leucemia è stata pubblicata online. James, padre di cinque figli, originario di Burnley, ha scritto: “Nessun addebito per questa signora in nessun caso. Saremo disponibili 24 ore per aiutarla e farla sentire a suo agio il più possibile”. Parlando della reazione pubblica positiva, James ha detto:” Non me lo aspettavo”.

James Anderson raccoglie fondi tramite crowdfunding e donazioni e aiuta le persone in tutto il Lancashire. Il 52enne ha detto di essere stato ispirato a licenziarsi e ad iniziare la sua nuova attività dopo aver visto un uomo trattato male da un altro idraulico. Dal 2017 fornisce impianti idraulici gratuiti o a basso costo a chiunque ne ha bisogno. Afferma che il passaggio al lavoro senza scopo di lucro lo ha visto accumulare debiti per circa £ 8.000 (oltre 9mila euro), sebbene insista sul fatto che il passivo ora è sotto controllo. “Molte persone che conoscono mi chiedono: ‘perché ti stai indebitando? Perché stai facendo questo? ‘Per me il debito è debito’ … Ma al denaro semplicemente preferisco che una persona sarebbe viva, felice e al sicuro”.

Ora James spera di portare il lavoro di Depher dal Lancashire a tutto il resto del Regno Unito. Ha detto: “Ho parlato con parecchi idraulici e ingegneri in tutto il paese e sono tutti d’accordo … sta solo ottenendo il finanziamento. Non voglio che nessuna persona anziana e disabile in questo paese, al giorno d’oggi, muoia o soffra a causa di una casa fredda o della mancanza di fondi per riparare la proprio caldaia. Non dovrebbe accadere. Semplice”.

Fonte : Fanpage