Picchiato e abusato dalla madre e dagli assistenti sociali perché gay, Richie Barlow ora risarcito

30 Agosto 2022

Richie Barlow è stato picchiato e abusato durante l’infanzia a causa della sua omosessualità. L’uomo ha ottenuto un risarcimento di oltre 40.000 sterline per quanto subito.

0 CONDIVISIONI

foto da Facebook

La BBC ha raccontato la storia terrificante di Richie Barlow, a lungo abusato durante l’infanzia perché omosessuale. Barlow, oggi 39enne, ha finalmente conquistato la sua indipendenza lavorando come dog-sitter, ma negli anni dell’adolescenza è stato picchiato e maltrattato dalla madre a causa della sua omosessualità. “Alla fine mi ha cacciato di casa- ha raccontato – e sono finito in comunità”.

Gli agenti sociali che lo avevano preso in carico hanno abusato sessualmente di lui quando aveva solo 9 anni.

“Mia madre venne a trovarmi nella struttura per minori in cui vivevo e mi ha costretto ad ammettere la mia omosessualità davanti a tutto il personale. Da allora è iniziato nuovamente l’incubo. Quando sono arrivato pensavo di essere finalmente salvo: avevo un letto, cibo caldo e vestiti puliti. Quando hanno saputo la mia storia hanno iniziato a comportarsi esattamente come mia madre” ha raccontato il 39enne.

Leggi anche

Le notizie del 4 agosto sulla guerra in Ucraina

“Mi hanno fatto ricoverare in due diverse cliniche pensando di curarmi – ha spiegato ancora -. Qui hanno abusato di me e gli assistenti sociali sono rimasti a guardare, totalmente indifferenti”.

L’uomo ha anche raccontato di esser stato picchiato più volte all’interno della struttura per minori. “Una volta sono quasi morto. Volevano che mi comportassi secondo le loro regole e spesso mi minacciavano con un coltello. Io avevo denunciato quanto stava accadendo, ma nessuno ha mai fatto nulla”.

A 14 anni Barlow è riuscito a lasciare la struttura per minori. La polizia lo ha trasferito in una casa sicura. “Sono stato accolto dalla mia mamma adottiva, Anna – ha raccontato alla BBC -. Lei mi ha dato tutto l’amore che mi mancava. Poi mi ha affiancato nella battaglia legale con il Nottinghamshire County Conuncil per il risarcimento”.

Il 39enne è riuscito a dimostrare che le autorità erano a conoscenza di almeno 26 episodi di violenza e che non avevano mai agito per salvarlo. Nel 2021 Barlow ha ottenuto un risarcimento di oltre 40.000 sterline per quanto subito.

Oggi è sposato con il compagno Ben e con lui gestisce un’attività di dog-sitter. “Mi stupisce sempre sapere che sono qui a parlare di quanto successo – ha confessato alla stampa -. Avrei potuto morire tante di quelle volte che mi sembra davvero un miracolo. L’unica cosa che voglio ora è proteggere le persone indifese e mostrare a tutti cosa può fare il bigottismo. Non voglio che queste cose accadano ad altri. Prima di incontrare Ben ero in modalità di sopravvivenza, cercavo di superare il mio dolore, ora sono andato avanti e l’ho trasformato in una missione”.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage