Adolescenti, poche ore di sonno portano a sovrappeso e obesità

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

A tutti è capitato almeno una volta di passare la notte in bianco o di andare a dormire a orari improbabili durante l’adolescenza. La voglia di divertirsi tende a far passare in secondo piano la necessità dell’organismo di recuperare e un corpo pieno di energie tende a risentire meno delle ore piccole. Tuttavia, quando non viene posto un freno a questi comportamenti sregolati, i rischi per la salute rischiano di diventare rilevanti. Secondo uno studio condotto dai ricercatori del Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares (CNIC) di Madrid, gli adolescenti che dormono meno di otto ore a notte hanno maggiori probabilità di essere in sovrappeso o obesi rispetto ai loro coetanei che dormono a sufficienza. I risultati della ricerca sono stati presentati durante il congresso della European Society of Cardiology.

Il legame tra ore di sonno e peso in eccesso

Indagine Istat: obeso o in sovrappeso un italiano su due, il 19% fuma

Per svolgere lo studio, gli esperti hanno valutato il legame tra sonno e salute di 1229 adolescenti spagnoli, misurando per sette giorni consecutivi la durata del sonno alle età di 12, 14 e 16 anni. Dalla ricerca è emerso che a 12 anni solo il 34% dei partecipanti dormiva almeno 8 ore a notte e la percentuale scendeva al 23% e al 19% rispettivamente a 14 e 1 6 anni.

Rispetto a chi dormiva più di 8 ore, i ragazzi che risposavano tra le 7 e le 8 ore avevano un rischio di essere in sovrappeso o obesi più alto del 19% a 12 anni e del 29% a 14 anni. La probabilità incrementava di pari passo con la diminuzione delle ore di sonno. Infatti, gli adolescenti che dormivano meno di 7 ore avevano un  rischio del 21% più alto di obesità o sovrappeso a 12 anni e del 72% a 14 anni. I ricercatori hanno poi osservato un aumento del rischio analogo per la sindrome metabolica. “Il legame tra sonno insufficiente e salute era indipendente dall’apporto calorico e dai livelli di attività fisica, il che indica che è il sonno stesso a essere importante”, ha spiegato Jesús Martínez Gómez, primo autore dello studio. “Attualmente stiamo studiando se le cattive abitudini relative al sonno siano correlate al tempo eccessivo passato davanti allo schermo, il che potrebbe spiegare perché gli adolescenti più grandi

Fonte : Sky Tg24