Alberto Balocco ucciso da un fulmine, lunedì i funerali: “Era un uomo semplice e generoso”

27 Agosto 2022

Si terranno lunedì a Fossano i funerali di Alberto Balocco, l’imprenditore piemontese, patron della nota azienda dolciaria ucciso da un fulmine mentre era in bici.

1.960 CONDIVISIONI

Alberto Balocco

Si terranno lunedì nella Cattedrale di Fossano i funerali di Alberto Balocco, l’imprenditore piemontese, patron dell’omonima casa dolciaria, ucciso da un fulmine insieme all’amico Davide Vigo. I due stavano percorrendo in sella alle proprie bici elettriche una strada sterrata sotto il monte Blegier, vicino al colle dell’Assietta, tra Pragelato e Sestriere, quando sono incappata in un temporale e in un successivo fulmine che li ha colpiti e uccisi.

La salma di Balocco, 56 anni, è arrivata questa mattina nella sua Fossano, nel Cuneese, in attesa delle esequie di lunedì. La camera ardente sarà allestita a Palazzo Daviso, un edificio storico nella centrale via Roma, ma la famiglia ha fatto sapere che non sarà aperta al pubblico.“Era una persona semplice, un uomo alla mano cresciuto fra di noi – raccontano i tanti concittadini di Balocco che lo stimavano – ha dato una possibilità di lavoro a tanti di noi. Dopo la morte del padre, a luglio, questo è un altro colpo durissimo per la città».

Solo due mesi fa infatti Alberto Balocco, amministratore delegato dell’industria dolciaria di famiglia, fondata nel 1927 dal nonno a Fossano, nel Cuneese, aveva affrontato la morte del padre Aldo, 91 anni e presidente onorario dell’azienda che oggi conta 550 dipendenti. Una comunità sotto choc quella di Fossano dove Balocco era molto conosciuto. Un incidente che ha strappato ai famigliari anche Davide Vigo, 55 anni, manager originario di Torino, ma residente in Lussemburgo.

Leggi anche

Tragedia in Val Chisone: fulmine colpisce e uccide due ciclisti, chi sono le vittime

I loro corpi sono stati ritrovati uno accanto all’altro vicini alle loro biciclette da un automobilista che stava percorrendo la strada sterrata per salire al rifugio dell’Assietta. Purtroppo però nonostante il rapido intervento dei soccorritori per i due non c’era ormai più nulla da fare e i sanitari ne hanno dichiarato la morte poco dopo. I segni sui corpi hanno reso chiaro quasi subito che a ucciderli erano i stati i fulmini che si erano abbattuti in quella zona poco prima.

1.960 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage