Covid, Moderna fa causa a Pfizer-BioNTech: “Tecnologia vaccini viola i nostri brevetti”

“Copiate due caratteristiche chiave delle tecnologie di Moderna”

Tutti i video sulla pandemia di Covid-19

L’azienda ritiene che Pfizer e BioNTech abbiano copiato due caratteristiche chiave delle tecnologie brevettate di Moderna, che sono fondamentali per il successo dei vaccini mRNA: hanno sviluppato un vaccino “che ha la stessa identica modifica chimica dell’mRNA del preparato Spikevax”, e “hanno copiato l’approccio di Moderna per codificare la proteina spike a lunghezza intera in una formulazione di nanoparticelle lipidiche per un coronavirus”, una tecnologia sviluppata da Moderna anni prima della comparsa del Covid-19. “Quando è scoppiata la pandemia, né Pfizer né BioNTech avevano il livello di esperienza di Moderna nello sviluppo di vaccini mRNA per malattie infettive e hanno seguito consapevolmente l’esempio di Moderna nello sviluppo del proprio vaccino”, ha sottolineato l’azienda.

Le dichiarazioni del Ceo di Moderna

“Riteniamo che Pfizer e BioNTech abbiano copiato illegalmente le invenzioni di Moderna e abbiano continuato a utilizzarle senza autorizzazione”, ha riferito il responsabile legale di Moderna, Shannon Thyme Klinger.
“La nostra piattaforma tecnologica innovativa mRN, che abbiamo iniziato a costruire nel 2010, insieme al nostro lavoro brevettato sui coronavirus nel 2015 e nel 2016, ci ha permesso di produrre un vaccino anti-

“Non vogliamo far rimuovere Comirnaty dal mercato”

Nella nota, Moderna precisa che “non sta cercando di rimuovere Comirnaty dal mercato e non chiede un’ingiunzione per impedirne la futura vendita” e “nemmeno il risarcimento per le attività avvenute prima dell’8 marzo 2022”. Per garantire un accesso globale equo ai vaccini, nell’ottobre 2020 Moderna si era infatti impegnata a non far valere i suoi brevetti relativi al Covid-19, impegno poi aggiornato nel mese di marzo 2022, “quando la lotta collettiva contro il Covid-19 è entrata in una nuova fase e la fornitura di vaccini non era più una barriera all’accesso in molte parti del mondo”.

Fonte : Sky Tg24