Nido tartaruga marina in spiaggia, firmata ordinanza: niente musica né giochi vicino le uova

Niente giochi, né musica ad alto volume o altre situazione che possano arrecare disturbo. Al centro dell’interesse del sindaco di Ardea la tutela del nido della tartaruga marina che ha deposto le uova sulla spiaggia del litorale laziale. Nei giorni scorsi infatti, al fine di tutelare il nido realizzato da una tartaruga marina caretta-caretta in prossimità dello stabilimento balneare Torre Marina sul litorale di Tor San Lorenzo, il primo cittadino Maurizio Cremonini ha firmato una apposita ordinanza con prescrizioni e divieti.

Nello specifico, fino al prossimo 30 settembre 2022 (o comunque fino alla schiusa delle uova), fra le varie prescrizioni inserite nell’ordinanza, in prossimità del nido non è possibile occupare la zona di spiaggia delimitata dalla recinzione di protezione del nido stesso con qualsiasi attrezzatura, non si può praticare alcun tipo di gioco e non si può tenere musica ad alto volume o effettuare attività che arrechino disturbo al nido. In più, non si possono accendere fuochi, non è consentito movimentare la sabbia, non si possono utilizzare veicoli a motore (eccezion fatta per i mezzi di soccorso) e non è consentito svolgere gare o manifestazioni.

Nido tartaruga marina Ardea (1)-2

Sono infatti consentite esclusivamente le attività istituzionali promosse dall’amministrazione comunale e da altri organi istituzionali finalizzate alla salvaguardia dell’ambiente e a una migliore tutela del sito.

È in tale contesto, fra l’altro, che per una maggiore tutela del nido, grazie all’impegno dello stabilimento balneare Torre Marina, in prossimità di Ferragosto è stata rinforzata la recinzione di protezione.

“Il nido della tartaruga marina è tenuto costantemente sotto controllo dal personale competente – commenta il Sindaco Maurizio Cremonini -. Colgo l’occasione per ringraziare lo stabilimento balneare Torre Marina che, a proprie spese, ha rinforzato la recinzione di protezione del sito e, nei giorni e nelle notti concomitanti con il periodo di Ferragosto, ha effettuato un controllo continuo dell’area impiegando il proprio personale di vigilanza al fine di evitare possibili interferenze con la nidificazione o danni all’area”.
 

Fonte : Roma Today