Caos candidature nel Pd, a chi vanno i seggi blindati del centrosinistra?

Elezioni politiche del 2022 in Italia

17 Agosto 2022

Dopo le polemiche sulle candidature del Pd, un’analisi di BiDiMedia prova, incrociando i dati sui nomi in lista dem con quelli sui sondaggi elettorali, a stabilire quali sono gli esponenti del Partito democratico a essere stati candidati nei collegi blindati.

0 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elezioni politiche del 2022 in Italia
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Alta tensione nel Partito democratico dopo l’annuncio delle candidature in vista del 25 settembre. Diversi nomi noti sono stati esclusi e altrettanti hanno puntato il dito contro la direzione per averli candidati in seggi impossibili. Dove le probabilità di vittoria, in altre parole, sono pressoché rasoterra e i candidati di centrosinistra finiranno quasi sicuramente per rimanere fuori dal Parlamento. Un’analisi di BiDiMedia prova allora, incrociando i dati sulle candidature dem con quelli sui sondaggi elettorali, a stabilire quali sono gli esponenti del Partito democratico a essere stati candidati nei collegi blindati e quali invece sono più a rischio. Ecco che cosa è emerso.

I collegi sicuri per il centrosinistra sono principalmente tra la Toscana e l’Emilia Romagna. Ad esempio c’è quello di Bologna, in cui secondo BiDiMedia può considerarsi al sicuro l’ex primo cittadino Virginio Merola. Questo per quanto riguarda la Camera. Al Senato sempre a Bologna il collegio blindato è quello in cui verrà candidato, non senza polemiche, Pier Ferdinando Casini secondo il contestato principio del diritto di tribuna. Reggio Emilia a Montecitorio, prosegue l’analisi BiDiMedia, dovrebbe andare a Ilenia Malvasi. Invece, passando alla Toscana, in quello di Firenze dovrebbe essere confermato il dem Federico Gianassi, in provincia Emiliano Fossi. Quello al Senato sarebbe invece lasciato a un candidato alleato (forse Sinistra italiana?) anche se non è ancora chiaro chi potrebbe essere.

I collegi sicuri, però, non si trovano esclusivamente nel centro Italia. Ci sono ottime possibilità anche a Milano Centro. Quello della Camera dovrebbe andare sempre agli alleati, probabilmente al segretario di +Europa Benedetto Della Vedova o a Bruno Tabacci di Impegno Civico. A Roma Centro, invece, non dovrebbe avere problemi Paolo Ciani, leader di DemoS. Al Senato a Napoli c’è la dem Valeria Valente, nel collegio di Napoli Fuorigrotta Paolo Siani, fratello del giornalista ammazzato dalla Camorra.

Leggi anche

M5s, al via voto per le parlamentarie: nel listino di Conte anche Cafiero de Raho e Roberto Scarpinato

Secondo la ricostruzione di BiDiMedia sono questi i collegi dove i candidati del centrosinistra hanno praticamente la certezza di riuscire a entrare in Parlamento. E sono quelli che sono stati appunto “blindati“. In altri collegi la partita è ancora aperta, ma sicuramente il Pd ha buone chances. Quello di Torino-Mirafiori dovrebbe andare a un altro leader di +Europa, Riccardo Magi. Un altro collegio “buono” è quello di Milano al Senato, dove è candidato il responsabile economico dem Antonio Misiani. In Emilia Romagna quello di Modena alla Camera dovrebbe essere riservato al sindacalista Aboubakar Soumahoro, candidato con i Verdi e Sinistra. Anche al leader di Europa Verde, Angelo Bonelli, potrebbe andare un seggio nella Regione, quello di Imola alla Camera. In di Livorno, sempre alla Camera, ha buone probabilità il dem Andrea Romano. Infine, al leader di Impegno Civico Luigi Di Maio il Pd riserverebbe il collegio di Acerra-Pomigliano alla Camera.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage