Verona, Cioffi già a rischio esonero: i possibili sostituti

Non è certo iniziata nel migliore dei modi la stagione 2022/2023 del Verona. Gli scaligeri, dopo essere stati superati per 1-4 dal Bari nel primo turno di Coppa Italia, sono stati nuovamente travolti al Bentegodi per 2-5 dal Napoli nella prima giornata di Serie A, con gli azzurri che si sono imposti grazie alle reti di Kvaratskhelia, Osimhen, Zielinski, Lobotka e Politano (vani, per i veneti, i timbri di Lasagna ed Henry). Due pesanti scivoloni che stanno facendo meditare la dirigenza gialloblù, con la posizione del tecnico Gabriele Cioffi, arrivato in estate al posto di Igor Tudor dopo l’esperienza all’Udinese, che si sarebbe già fatta a rischio.

Un avvio di stagione così disastroso non rientrava certo nelle aspettative del club, convinto di aver messo a disposizione dell’allenatore una rosa capace di disputare un campionato tranquillo sulla falsariga di quanto accaduto nelle ultime stagioni. A far preoccupare, in particolare, è la fragilità difensiva emersa in questi primi 180 minuti: ben nove, infatti, le reti incassate. Un dato ancor più grave se si pensa che questi numeri arrivano al termine di due sfide disputate di fronte al proprio pubblico.

Cioffi in bilico, i nomi dei possibili sostituti

Per Cioffi, a questo punto, decisive potrebbero già diventare le prossime gare contro Bologna e Atalanta. In caso di nuovi passi falsi, la dirigenza potrebbe optare per un repentino cambio di guida tecnica, con due nomi che sarebbero già finiti sul taccuino. Il primo è quello di Davide Ballardini, reduce dall’esperienza con il Genoa terminata con l’esonero dello scorso 6 novembre dopo soli 9 punti raccolti nelle prime dodici giornate, mentre il secondo è quello di Aurelio Andreazzoli, capace, nella passata stagione, di guidare l’Empoli verso una tranquilla salvezza soprattutto grazie ad un inizio di torneo sprint. 

Fonte : Today