Condannato per pedofilia, beve uno strano liquido in aula dopo la sentenza e si suicida

14 Agosto 2022

Edward Peter Leclair, 57 anni, era appena stato condannato per pedofilia nel tribunale di Denton, in Texas, Stati Uniti, quando ha bevuto del liquido da una bottiglia d’acqua di plastica: 45 minuti è stato dichiarato morto. Attesa per l’autopsia.

17 CONDIVISIONI

Ha bevuto uno strano liquido da una bottiglia d’acqua ed è morto nell’aula di tribunale dove poco prima era stato condannato per pedofilia.

È successo a Denton, in Texas, Stati Uniti, giovedì scorso.

Edward Peter Leclair, 57 anni, questo il nome dell’uomo, aveva appena ricevuto la sentenza di condanna per cinque capi di imputazione per aggressione sessuale su minore, come ha riferito il Denton Record-Chronicle, quando si è verificato il decesso.

Leggi anche

Eutanasia, il cardinale Zuppi: “Celebrerei i funerali di chi sceglie il suicidio assistito”

Leclair aveva sempre ribadito la sua innocenza.

Dopo che è stato letto il verdetto, ha cominciato a bere del “liquido torbido” da una bottiglia d’acqua di plastica che aveva con sé.

“Non era come se stesse solo bevendo un sorso d’acqua. Lo stava letteralmente buttando giù il più velocemente possibile”, ha detto il pubblico ministero Jamie Beck alla tv locale WFAA.

L’avvocato difensore di Leclair, Mike Howard, ha detto alla NBC News di aver visto il suo cliente bere quel liquido e tremare. “Ho pensato che tremasse a causa del verdetto”, ha detto Howard. “Poi ha continuato a bere e a bere, ma non sapevo cosa contenesse quella bottiglia”.

Dopo essere stato trasferito in una cella di detenzione, Leclair “ha iniziato a vomitare” e “sono stati chiamati i servizi di emergenza”, ha detto Howard alla CNN. È stato portato in ambulanza in ospedale prima di essere dichiarato morto proprio quel pomeriggio, circa 45 minuti la lettura della sentenza.

È stata ordinata un’autopsia per determinare la causa della morte di Leclair e la sua bottiglia d’acqua è stata raccolta come prova.

Leclair, ex meccanico della Marina e reclutatore aziendale, è stato incriminato due anni fa per cinque capi di imputazione per aggressione sessuale a un soggetto di età compresa tra 14 e 17 anni. Ha detto più volte di essere innocente.

17 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage