Gli scioperanti vincono, ai lavoratori Lufthansa aumenti del 19 percento

Nell’era della gig economy, dell’impiego flessibile e della ‘uberizzazione’ dei rapporti di lavoro c’è chi pensa che lo sciopero sia ormai uno strumento inutile. I lavoratori Lufthansa hanno sfatato questo mito con una mobilitazione sindacale che non ha lasciato altra scelta ai vertici della compagnia aerea tedesca se non quella di sedersi al tavolo e andare incontro alle richieste dei dipendenti. Lo sciopero Lufthansa, che a fine luglio ha portato alla cancellazione di oltre mille voli, ha infatti convinto l’azienda a concedere un aumento fisso di 200 euro al mese, applicato retroattivamente dal primo luglio di quest’anno.

L’accordo che mette fine alla vertenza prevede anche un ulteriore aumento del 2,5 per cento, o almeno 125 euro al mese, che si applicherà dal primo gennaio del prossimo anno, seguito da un ulteriore incremento del 2,5 per cento dal primo luglio 2023. “Questo è un buon risultato, il che significa un aumento mensile da almeno 377 euro fino a 498 euro in tutti i gruppi di dipendenti”, ha affermato Christine Behle, vicepresidente e negoziatrice del sindacato Ver.di. L’intesa con la compagnia aerea prevede inoltre che i maggiori aumenti vadano al personale a basso reddito, mentre i lavoratori con le buste paga più elevate dovranno accontentarsi di importi extra più leggeri. Ad esempio, il personale che lavora ai banchi del check-in in aeroporto – riporta l’agenzia Reuters – avrà un aumento della retribuzione totale compreso tra il 13,6% e il 18,4%, con variazioni che dipendono dall’anzianità di servizio.

Sciopero Lufthansa, si ferma il personale di terra: cancellati oltre 1.000 voli

Lufthansa ha aggiunto che l’accordo significherebbe un aumento degli stipendi base lordi dell’8,3% per i lavoratori che guadagnano 6.500 euro al mese e del 19,2% per quelli che guadagnano circa 2.000 euro. Un risultato che ha soddisfatto le sigle sindacali. Inoltre, per i lavoratori a basso reddito, la retribuzione oraria sarà fissata a 13 euro dal primo ottobre, al di sopra del minimo legale tedesco fissato a 12 euro. “Questo risultato, che rende Lufthansa più attraente come datore di lavoro, darà sollievo ai dipendenti”, è stato il commento della sindacalista Behle. Il nuovo accordo salariale avrà una durata di 18 mesi.

Fonte : Today