Sempre meno adolescenti usano Facebook

Facebook sta perdendo sempre più terreno tra i giovani e a oggi, secondo i dati dell’ultimo rapporto del Pew research center, solo un terzo degli adolescenti negli Stati Uniti usa il social di Mark Zuckerberg, dopo aver raggiunto la massima diffusione nel 2015, con il 71%, e aver subito un primo calo nel 2018, arrivando solo al 51%. Al contrario, con il 69% degli utenti, l’uso di Facebook resta ancora diffusissimo tra gli adulti.

Mentre Facebook continua la sua discesa, è YouTube a vincere in tutte le fasce d’età. Il sito di condivisione di video è infatti il più usato tra tutte le dieci piattaforme incluse nell’ultimo sondaggio effettuato da Pew, sia dagli adulti che dai giovani. Tra gli adolescenti in particolare, l’uso di YouTube è aumentato del 10% in tre anni, passando dall’85% nel 2018 al 95% del 2021.

Per quanto riguarda invece le applicazioni più tradizionalmente “social”, rispetto a YouTube, il nuovo rapporto ha confermato come TikTok stia superando tutte le altre, diventando rapidamente il campione in carica degli adolescenti. Il 67% dei giovani intervistati ha dichiarato di utilizzare la piattaforma e il 16% di essere “quasi costantemente” su TikTok. Instagram e Snapchat seguono a ruota, rispettivamente con il 62% e il 59% degli adolescenti che hanno confermato di utilizzare queste piattaforme.

Le percentuali di Instagram e Snapchat sono in aumento rispetto al sondaggio del 2014-2015 (rispettivamente al 51% e 41%), ma in netto calo rispetto ai dati del 2018. Quattro anni fa, Pew ha riferito che il 72% degli adolescenti intervistati utilizzava Instagram e il 69% Snapchat. Tuttavia, nel suo ultimo studio, Pew ha sottolineato come i metodi di indagine usati oggi siano diversi rispetto a quelli del 2018 e pertanto “non è possibile fare confronti diretti tra le due indagini a causa delle differenze nei modi in cui sono state condotte”. Osservando invece altre piattaforme, si nota un ampio divario che le separa da quelle elencate finora. Solo il 23% degli adolescenti usa Twitter, il 20% Twitch, il 17% WhatsApp, il 14% Reddit e solo il 5% usa Tumblr. Mentre altre due piattaforme monitorate da Pew, cioè Vine e Google+, non esistono più.

Oltre a registrare il continuo calo di popolarità di Facebook e i nuovi trend, il rapporto Pew ha rilevato altre tendenze più ampie nell’utilizzo di Internet da parte dei giovani. Per esempio, il 97% degli adolescenti ha dichiarato di utilizzare Internet quotidianamente e quasi la metà ha affermato di essere online “quasi costantemente”. Questi valori sono entrambi in aumento rispetto ai precedenti rapporti Pew e oltre un terzo degli adolescenti ha dichiarato di essere “quasi costantemente” su una delle cinque principali piattaforme online.

I dati indicano anche differenze nell’uso di Internet e dei social media a seconda del sesso, dell’etnia e del livello di reddito. I ragazzi, per esempio, sono più propensi a utilizzare YouTube, Twitch e Reddit (tutti popolari per i videogiocatori), mentre le ragazze hanno dichiarato di essere più spesso su TikTok, Instagram e Snapchat. Gli adolescenti afrodiscendenti e ispanici risultano essere su Internet più frequentemente delle loro controparti caucasiche. Mentre l’uso “costante” di Internet è stato registrato più frequentemente tra gli adolescenti che vivono in famiglie con un reddito annuo compreso tra 30mila e 75mila dollari.

Fonte : Wired