L’hacker che ha disattivato da remoto i cani robot cinesi

Un hacker noto come d0tslash è riuscito a disattivare da remoto uno dei cani robot dell’azienda cinese Unitree Robotics, che produce per la metà del prezzo droni a quattro zampe molto simili a quelli di Boston Dynamics. Ha poi raccontato la scoperta del kill switch, cioè una specie di interruttore di emergenza, su GitHub, un sito molto usato dagli sviluppatori di programmi informatici.

I cani robot di Unitree sono ormai diffusi dal 2020 ed è possibile comprarne uno su AliExpress per circa tremila euro. Negli ultimi giorni sono tornati alla cronaca grazie a un video apparso su Twitter, in cui uno di questi, equipaggiato di una mitragliatrice russa PP-19 Vityaz, spara contro alcuni bersagli, in quello che sembra un poligono all’aperto, coperto di tracce di neve. Il cane sembra reagire discretamente al rinculo dell’arma, riuscendo comunque a non cadere dopo la raffica di colpi.

Twitter content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Forse è proprio a causa di questa applicazione bellicista che d0tslash ha deciso di attaccare il robot, trovando il modo di disattivarne tutte le funzioni in un secondo. In base a quanto descritto dall’hacker, l’interruttore di emergenza si trova nella scatola di distribuzione dell’alimentazione del robot e ogni cane è dotato anche di un interruttore attivabile da remoto, collegato al Power distribution board, un dispositivo che fa arrivare l’alimentazione della batteria ai sistemi.

L’interruttore può essere attivato manualmente, tramite il telecomando del robot, oppure attraverso qualunque dispositivo riesca a copiare e trasmettere la frequenza di 433 megahertz su cui opera. È quello che ha fatto d0tslash, attraverso Flipper Zero, un dispositivo in grado di hackerare diversi dispositivi digitali. D0tslash ha quindi copiato il segnale a 433 megahertz che il telecomando trasmette al cane per essere disattivato e ha pubblicato tutte le informazioni necessarie per usarla su GitHub.

Fonte : Wired