USA, l’Indiana ha reso illegale l’aborto fin dal momento del concepimento

6 Agosto 2022

Il Parlamento dello stato dell’Indiana – negli USA – ha approvato una legge che vieta quasi totalmente l’aborto, fatta eccezione per i casi di incesto, stupro, problemi gravi al feto o quando la vita della donna in gravidanza è a rischio.

2 CONDIVISIONI

Foto di Kevin Dietsch/Getty Images)

Il Parlamento dello stato dell’Indiana – negli USA – ha approvato una legge che vieta quasi totalmente l’aborto: la misura è stata firmata dal governatore dello Stato, che diventa così il primo ad autorizzare nuovi e ampi limiti a questa pratica dopo che la Corte Suprema ha ribaltato la storica sentenza ‘Roe v Wade’ lo scorso giugno.

L’approvazione della legge arriva ad appena tre giorni da quando gli elettori del Kansas, un altro Stato conservatore del Midwest, hanno respinto a stragrande maggioranza un emendamento che avrebbe eliminato le tutele dei diritti all’aborto dalla Costituzione dello Stato. In Indiana la legge ha ottenuto il via libera nonostante l’opposizione di alcuni repubblicani, che la ritenevano troppo estrema.

La legge dell’Indiana rende illegale l’interruzione di gravidanza fin dal momento del concepimento, fatta eccezione per i casi di incesto, stupro, problemi gravi al feto o quando la vita della donna in gravidanza è a rischio. Finora l’interruzione era autorizzata fino alla 22esima settimana. Alle vittime di violenza sessuale e incesto non verrebbe richiesto di firmare una dichiarazione notarile che attesti l’aggressione, come era stato paventato inizialmente. Secondo il disegno di legge, dal 15 settembre gli aborti potranno essere praticati solo in ospedali ambulatori di proprietà di ospedali, il che significa che tutte le altre cliniche abortive perderanno la licenza.

Leggi anche

Usa, Biden firma ordine esecutivo per garantire il diritto d’aborto cancellato dalla Corte Suprema

“Sono molto orgoglioso di tutti i cittadini dell’Indiana che si sono fatti avanti per condividere coraggiosamente le loro opinioni in un dibattito che difficilmente cesserà presto”, ha commentato il governatore repubblicano Eric Holcomb nel comunicato in cui ha annunciato di aver firmato il provvedimento. L’Indiana è stato tra i primi Stati repubblicani a discutere leggi più severe sull’aborto dopo la sentenza della Corte Suprema.

2 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage