Ynes Mexía, l’instancabile botanica celebrata da doodle Google di oggi

Google celebra Ynes Mexía, botanica ed esploratrice messicana-americana, raffigurandola nel doodle di oggi 15 settembre, nel mese dedicato al patrimonio culturale ispanico. L’immagine che campeggia nella pagina principale del motore di ricerca ritrae la donna che come spiega Google, “sfidò terremoti, paludi e bacche velenose per raggiungere un remoto vulcano al confine tra Colombia ed Ecuador, tutto per il bene delle scoperte botaniche”.

Perché il 15 settembre è dedicato a Ynes Mexía

Il 15 settembre del 1925, Mexía intraprese il suo primo viaggio un gruppo dall’Università di Stanford a Sinaloa, in Messico, alla ricerca di rare specie botaniche. La botanica aveva a quell’epoca 55 anni e nonostante una caduta da una scogliera e le conseguenti fratture a una mano e ad alcune costole, Mexía portò a casa circa 500 esemplari, 50 dei quali in precedenza non ancora scoperti.

Chi era Ynes Mexía

Nata a Washington il 24 maggio 1870, Ynes Mexía era figlia di un diplomatico messicano. All’età di 51 anni, iniziò a studiare botanica. Dopo il suo primo viaggio esplorativo del 1925, la donna continuò a viaggiare per scoprire altre specie in tutto il Messico, molte delle quali poi presero il suo nome. La prima era una pianta fiorita della famiglia delle margherite di nome Zexmenia mexiae nel 1928, ora chiamata Lasianthaea macrocephala. Anche se non ha mai conseguito la laurea, Mexía è tra i più famosi collezionisti di esemplari botanici della storia, avendone raccolti circa 150.000 durante la sua carriera. Morì a Berkeley, in California, il 12 luglio 1938, all’età di 68 anni.

Google, i doodle più significativi del 2019. FOTO

Google, i doodle più significativi del 2019. FOTO


Fonte : Sky Tg24