Il parlamento va in soccorso dell’ex provincia di Roma: arrivano 180 milioni

Centottanta milioni di euro per la Città Metropolitana di Roma. E’ questa la cifra che arriverà all’altro ente amministrato da Roberto Gualtieri.

Le risorse messe a disposizione dell’ex provincia sono frutto di un emendamento al decreto legge Aiuti approvato dalla commissione bilancio della camera. Una misura che si è resa necessaria per venire incontro ai mancati introiti maturati dalla città metropolitana che ha dovuto fronteggiare la riduzione delle tasse legate all’ RC auto ed all’imposta provinciale di trascrizione. 

La diminuzione delle immatricolazioni ha pesato sul bilancio provinciale che ha dovuto fronteggiare anche il calo delle entrate derivanti dalle polizze. Il mercato assicurativo consente, rispetto a qualche anno fa, di avere polizze più economiche. Ciò comporta un risparmio per il privato ed una perdita per la provincia, visto che le tasse sono proporzionali al costo della copertura assicurativa, mediamente diminuita. 

La Città Metropolitana ha poi dovuto fare i conti anche con la concorrenza delle province autonome di Trento e Bolzano. Lì le tasse che si pagano quando si acquista un’auto, hanno una quota fissa. A Roma e nella provincia sono in funzione dei cavalli fiscali. Il risultato è che molte aziende di noleggio che erano presenti nella provincia di Roma, si sono spostate nelle più convenienti province autonome. 

Se lo scenario è mutato, non è però cambiata la quantità di tasse che le città metropolitane devono pagare allo Stato. Ed è per questo che la provincia ha avuto bisogno di una mano del governo. Perché con il passare degli anni sono diminuite le sue principali entrate mentre continua a pagare sulla base dei vecchi indici. L’emendamento, pertanto, consente all’Ente metropolitano di poter approvare il bilancio, subito dopo la conversione in legge del decreto. In tal modo l’ex provincia può rimettersi in moto per continuare a garantire quei servizi  che, dalla manutenzione stradale a quella scolastica, sono essenziali per il territorio che amministra.

“Grande soddisfazione per l’impegno verso Roma e la città metropolitana che il governo Draghi ha dimostrato – ha commentato il deputato PD Claudio Mancini – Ringrazio l’esecutivo perché con questo provvedimento la Città Metropolitana può finalmente ripartire, ampliando la propria offerta di servizi ai cittadini: dall’edilizia scolastica alla manutenzione stradale fino all’attuazione dei progetti del PNRR.”

Fonte : Roma Today