È stato prodotto il primo smartphone per il metaverso

In attesa che Meta, Microsoft e le altre big dell’hi-tech svelino le proprie carte, il colosso taiwanese Htc ha lanciato Desire 22 Pro, il suo smartphone pensato appositamente per il metaverso. La particolarità del dispositivo è un accesso diretto a ‘Viverse’, l’ecosistema di mondi in 3D che Htc ha presentato in occasione del ‘Mobile World Congress’ di Barcellona a febbraio, aperto sia a terminali Android sia ai suoi visori di realtà virtuale, Vive Flow.

Google acquista startup per occhiali: entro il 2024 i Glass per la nuova era di internet

Le caratteristiche tecniche

Le specifiche tecniche del dispositivo sono da fascia media: un display da 6,6 pollici, processore Snapdragon 695 5G, 8 GB di RAM e 128 di memoria di archiviazione interna. Il device è certificato IP67. Sul retro, tripla fotocamera posteriore da 64 megapixel, ultra-grandangolare da 13 megapixel e sensore di profondità da 5 megapixel; la selfie cam, inserita all’interno di un foro, è da 32 megapixel. La batteria ha una capacità da 4.520 mAh, e supporta la ricarica wireless e inversa.

Sblocca infinite possibilità con prestazioni ottimizzate e connettività a 5G, Wi-Fi e Bluetooth, che rendono la navigazione virtuale facile e veloce. Visita le comunità metaverse in Viverse utilizzando il tuo browser o abbina Desire 22 Pro a Vive Flow per esplorarle la realtà virtuale

Una funzionalità particolare del Desire 22 Pro è vive Wallet, un’app per gestire le risorse virtuali personali. Gli utenti possono archiviare le proprie risorse digitali e accedere al negozio Vive Market per acquistare opere Nft, di cui una viene regalata in fase di acquisto del modello. In futuro, il portafoglio servirà anche per spendere valute nel metaverso tramite Viverse Pass. Htc Desire 22 Pro è disponibile solo per mercati selezionati al prezzo di circa 380 euro. Al momento, non si hanno ancora notizie di un lancio in Italia.

Fonte : Today