5 videogiochi gratis che arrivano dalla Triennale Game Collection

I videogiochi sono arte? Per la Triennale Milano, la risposta è un chiaro e forte . L’istituzione culturale milanese ha arruolato cinque game designer indipendenti da tutto il mondo per produrre altrettanti titoli che puntano l’acceleratore sul design e sulla sperimentazione visiva, sonora e ludica. Il risultato è la seconda Triennale Game Collection che, dopo il successo della prima edizione del 2016, torna così a presentarsi al pubblico in occasione della 23esima Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries.

La premessa è che il videogioco come mezzo si è evoluto e ha raggiunto un livello equiparabile al cinema. Ci sono già opere che si muovono al confine tra intrattenimento, arte e design”, commenta Pietro Righi Riva, fondatore dello studio di game production Santa Ragione che ha selezionato, per la Triennale, i cinque designer autori della Collection. “Abbiamo scelto autori indipendenti di un certo peso, non sconosciuti o emergenti, ma designer con progetti di successo alle spalle. Inoltre – prosegue Riva – se è vero che l’industria dei videogiochi è radicata negli Usa, in Giappone e infine in Europa, esiste tutto un mondo di autori diversi che portano prospettive innovative, quindi abbiamo cercato di compiere una selezione più varia possibile anche in termini di provenienza geografica e culturale”.

Tutti i giochi della Game Collection hanno quindi una forte identità visiva, e rientrano in generi molto diversi tra loro: dalle esperienze narrative agli enigmi, dalle autobiografie agli esplorativi. Il filo conduttore è l’esplorazione di spazi ignoti, di sconosciuti sconosciuti: ciò che non sappiamo ancora di non conoscere.

Tutti i giochi saranno disponibili gratuitamente per il download da Apple App Store, Google Play Store e Steam a partire da luglio-settembre, insieme alle versioni aggiornate e patchate del primo volume della Triennale Game Collection.

Fonte : Wired