Il Lazio è la prima regione che affianca psicologi alle persone malate di tumore

29 Giugno 2022

Si tratta dello “psico-oncologo” e grazie alla legge regionale approvata oggi all’unanimità presto sarà al fianco delle persone malate di tumore negli ospedali del Lazio.

183 CONDIVISIONI

Una legge per garantire i servizi di psico-oncologia ai pazienti di tumore: questo è quanto prevede la proposta di legge regionale numero 191 del 17 ottobre 2019 approvata oggi in sede di Consiglio regionale del Lazio che promuove la presenza obbligatoria della figura dello psiconcologo all’interno del team multidisciplinare che si occupa della presa in carico del paziente oncologico e onco-ematologico. L’approvazione è arrivata all’unanimità e la regione Lazio è così diventata la prima ad istituire una legge di questo tipo nel nostra Paese.

Il ruolo dello psico-oncologo

Gli ospedali del Lazio dovranno dotarsi di uno specialista in grado di affiancare i pazienti oncologici durante tutto il loro percorso, a partire dalla scoperta della malattia, inserendoli all’interno del team multidisciplinare a loro riservato. Una figura di questo genere, nella regione Lazio, è già prevista per quanto riguarda i pazienti malati di tumore alla mammella: introdurla per tutti i pazienti di questo tipo rappresenta una rivoluzione necessaria all’interno degli ospedali. Sono previsti percorsi formativi per quasi 700 specialisti nel Lazio: saranno così in grado di accompagnare al meglio i pazienti durante tutta la malattia.

Si stima che siano almeno un milione le persone malate con una diagnosi di tumore che hanno bisogno di un supporto psico-oncologico nel nostro Paese. Gli effetti del cancro rischiano di avere conseguenze sulla vita affettiva, sociale e lavorativa (o scolastica) dei pazienti: secondo il 12° Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici in Italia, una percentuale compresa fra il 25 e il 30% dei pazienti presenta disturbi psicologici come depressione e ansia, mentre fra il 50 e il 70% si mostra incline a distress emozionale.

Leggi anche

Salgono a 19 i casi di peste suina africana nel Lazio: 18 sono a Roma e uno nel reatino

Le reazioni all’approvazione della legge

“Un passo avanti enorme verso le persone e la qualità delle cure – ha dichiarato con un tweet dedicato alla notizia il governatore della regione Nicola Zingaretti – Andiamo avanti così mettendo al centro innovazione e investimenti nel sistema sanitario.”

Soddisfatto anche Loreto Marcelli il consigliere primo firmatario della legge: “Sono molto contento del consenso unanime: è la dimostrazione che è stata compresa appieno l’importanza del ruolo e del lavoro dello psiconcologo a tutela del paziente oncologico e onco-ematologico – ha dichiarato, come si legge in un articolo de il Corriere della Sera- Mi auguro di vedere presto l’attuazione delle disposizioni contenute nel Testo unico di legge e che questo primo passo possa diventare d’esempio per altre realtà istituzionali del nostro Paese ed ampliare l’offerta per i pazienti.”

183 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage