Incendi a Roma, l’allarme dei vigili del fuoco: “Mancano uomini e mezzi”

L’emergenza incendi ha mostrato come la coperta sia corta. A Roma mancano uomini e mezzi dei vigili del fuoco. Lo denuncia Marco Piergallini, segretario generale del sindacato Conapo dei Vigili del Fuoco, ma anche i fatti. Basti pensare che ieri, a supporto del comando di Roma, sono intervenute le squadre dei comandi di L’Aquila, Macerata, Isernia, Napoli, Perugia e Firenze.

“Il dispositivo di soccorso dei vigili del fuoco di Roma è entrato in crisi. Non vi sono uomini e mezzi sufficienti per affrontare tempestivamente e contemporaneamente tutti gli incendi in atto. – spiega Piergallini – Il nostro grido di allarme dei mesi scorsi sulla carenza di personale è stato sistematicamnete ignorato e ora i nodi sono venuti al pettine. Il comando dei vigili del fuoco di Roma è carente di circa 300 uomini su base provinciale facendo riferimento a vecchie piante organiche che oltrettutto andrebbero riadattate ai cambiamenti climatici in corso”.

“Assumere più vigili del fuoco per noi è un investimento e non un costo come potrebbe sembrrare, manca una visione futuristica del numero dei vigili del fuoco necessari, il ministero dell’interno rifletta su questo e legiferi su nuove assunzioni e nell’attesa autorizzi il rientro in straordinario del personale”, ha sottolineato il segretario generale del sindacato Conapo dei Vigili del Fuoco.

“Il Corpo dei vigili del fuoco deve essere numericamente pronto per tutte le emergenze, il fatto di andare in crisi se si verificano più emergenze in contemporanea è sintomativo del fatto che la principale struttura di soccorso pubblico di Roma non è stata adeguata alle mutatte esigenze sul rischio di incendi. Nel 2017 hanno soppreso il Corpo forestale dello Stato e affidato anche i loro compiti antincendio ai Vigili del Fuoco senza adeguare l’ organico, un altro grave errore”, ha concluso il sindacalista dei vigili del fuoco. 

Fonte : Roma Today