La soluzione del Giappone per affrontare il caldo record, spegnere le luci

27 Giugno 2022

Il Giappone è alle prese con una fine prematura della stagione delle piogge e un caldo record che ha spinto il governo a chiedere ai cittadini di spegnere le luci ed evitare sprechi di energia.

0 CONDIVISIONI

Spegnere le luci e lasciarle il più possibile spente per affrontare l’imminente ondata di calore, è l’idea del governo giapponese dopo le temperature record raggiunte da alcun grandi città del Paese, compresa la capitale Tokyo. Una idea che a prima vista può apparire strana ma che in realtà è dettata dalla necessità di avere tantissima energia a disposizione per far funzionare tutti i sistemi di raffreddamento in casa e negli uffici che altrimenti provocherebbero black out a catena con conseguenze immaginabili.

Il caldo opprimente e senza sosta che sta caratterizzando questa estate 2022 infatti non risparmia neanche i paesi orientali come il Giappone dove si è assistito a una fine prematura della stagione delle piogge e un caldo record che non si vedeva da decenni. Temperature estreme che, secondo le previsioni, sono destinata ad aumentare ulteriormente questa settimana, soprattutto nella regione di Tokyo, quando si prevede un picco dei consumi energetici per impianti di condizionamento e raffreddamento.

Una richiesta di energia che ha spinto il governo a lanciare un appello ai cittadini a tenere le luci spente così come ogni altro elettrodomestico non necessario. “Siamo colpiti da un caldo insolito per la stagione. Per favore, coopera e risparmia quanta più energia possibile” è l’appello del governo che ha incoraggiato le persone a rimuovere anche le maschere quando sono fuori per prevenire i colpi di calore.

Leggi anche

Maltempo con temporali e grandinate, arriva il ciclone autunnale: le previsioni meteo

“Chiediamo ai cittadini di ridurre il consumo di energia durante le prime ore serali, quando il tasso di riserva scende”, ha detto ai giornalisti Yoshihiko Isozaki, il vice segretario del capo di gabinetto. Isozaki in particolare ha consigliato alle famiglie e alle aziende di spegnere le luci non in uso ed evitare sprechi in generale.

Secondo il ministero dell’Economia e dell’Industria giapponese, il picco della domanda di energia si raggiunge tra il tardo pomeriggio e la prima serata e si prevede che le riserve scenderanno fino al 3,7% a Tokyo e nella regione circostante. Un livello limite visto che sotto il 3% si rischiano interruzioni di corrente e blackout.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage