Videochiamata con il sindaco di Kiev ma non è lui: ingannati tre sindaci di capitali europee

Qualcuno si è spacciato per il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, e ha intrattenuto delle videochiamate con tre sindaci di tre capitali europee, Madrid, Berlino e Vienna, grazie alla tecnologia del deep fake. É stato lo stesso Klitschko a denunciare il fatto: “Diversi sindaci d’Europa sono stati contattati da falsi Klitschko che dicono cose assurde”, ha detto il sindaco della capitale ucraina in un video diffuso dal sito del quotidiano tedesco Bild. E un’attività “criminale” e “bisogna urgentemente indagare sui responsabili”, ha aggiunto. La polizia tedesca ha già aperto un’indagine.

Le strane domande e il deep fake

La sindaca di Berlino, Franziska Giffey, ha preso parte a una chiamata sulla piattaforma Webex con una persona che, secondo lei, assomigliava a Klitschko. “Non c’erano segni che la videoconferenza non fosse tenuta con una persona reale”, si legge nella nota rilasciata dal suo ufficio stampa. Solo dopo circa 15 minuti, i discorsi del falso sindaco di Kiev hanno cominciato a diventare sospetti, quando ha iniziato a parlare del problema dei rifugiati ucraini che imbrogliano lo stato tedesco chiedendo che fossero riportati in Ucraina per motivi militari.

Come riportato dal Der Spiegel, il collegamento è stato interrotto e l’ufficio del sindaco di Berlino ha contattato l’ambasciatore ucraino in Germania, che ha confermato tramite le autorità di Kiev che la persona nella videochiamata non era il vero Klitschko. “Purtroppo è la realtà che la guerra viene condotta con ogni tipo di mezzo, anche in rete, per minare la fiducia e screditare i partner e gli alleati dell’Ucraina”, ha detto Giffey.

L’ufficio del sindaco di Madrid ha presentato una denuncia alla polizia per la videochiamata del sindaco José Luis Martínez-Almeida col falso collega di Kiev, mentre il sindaco di Vienna, Michael Ludwig, aveva annunciato su Twitter di aver parlato in videochiamata con Klitschko, ma il tweet è stato cancellato. Poco dopo, l’ufficio stampa del comune di Vienna ha rilasciato una dichiarazione secondo cui Ludwig sembrava essere stato vittima di un “grave caso di criminalità informatica”.

Tutte le notizie sulla guerra in Ucraina

Cos’è il deep fake e come funziona

I deepfake utilizzano l’intelligenza artificiale per imparare a ricreare il volto e la voce di una persona nei minimi particolari. Questa “maschera” si applica poi a un’altra persona, che può parlare con la voce e le sembianze che desidera assumere. L’intelligenza artificiale ha fatto evidenti progressi e l’uso del deep fake per fabbricare notizie false può essere sempre più rilevante. 

All’inizio della guerra in Ucraina era circolato un video falso del presidente Zelensky che riconosceva il fallimento della resistenza del suo Paese annunciando la rinuncia alla regione del Donbass. Il video era stato ricondiviso da migliaia di persone prima di essere eliminato dalle piattaforme. Di recente, l’Europol ha sottolineato che il deep fake potrebbe essere usato anche dalle organizzazioni criminali, oltre che per la disinformazione. 

Le ultime notizie su Today

Fonte : Today