Marcella Bella compie 70 anni: le 5 canzoni più famose

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

“Se un artista resta ancorato al vecchio, perde il senso dell’attualità, il passato è importante, ma bisogna sempre guardare avanti”. Lo diceva solo 3 anni fa, intervistata da Sky TG24, Marcella Bella, un vulcano di musica e idee che oggi – 18 giugno 2022 – arriva al traguardo dei 70 anni. Nata a Catania nel 1952, la cantante è tra le più famose del panorama italiano, dove ha raggiunto il successo con brani come Montagne verdi e Nell’aria. Ecco una selezione delle sue canzoni più famose.

Montagne verdi (1972)

Con l’amico mio più sincero, un coniglio dal muso nero
Poi un giorno mi prese il treno
L’erba, il prato e quello che era mio
Scomparivano piano, piano e piangendo parlai con Dio

Io domani (1973)

Un anno dopo, nel 1973, arriva un altro brano importantissimo per la carriera della cantante: Io domani, ancora una volta scritto dal fratello Gianni e da Bigazzi. Diventa la sigla della trasmissione radiofonica Gran varietà e si classifica al primo posto al Festivalbar, ex aequo con Mia Martini.

Guardami negli occhi, caro amore mio


Dimmi se qualcuno vuol dividerci
Tu non sai di cosa non sarei capace io

Io domani glielo dico che non l’amo più

Nessuno mai (1974)

Nel 1974 la cantante sigla un altro successo: Nessuno mai. Il brano è considerato tra i primi esempi di disco music italiana. La canzone parla di una ragazza che alla sua prima esperienza si innamora di un uomo sposato. Venne tradotta anche in altre lingue, come lo spagnolo e l’inglese.

Nessuno mai, nessuno mai, nessuno, nessuno
telefonarmi tu non puoi perché a quest’ora
tocca a lei starti vicino.
Così nessuno mai, nessuno mai, mi tiene la mano
nel buio affiora la paura e mi addormento
coi complessi di un bambino.

Nell’aria (1983)

Arrivano gli anni Ottanta e, nel 1983, Mogol scrive Nell’aria, sulle musiche di Gianni Bella e l’arrangiamento di Celso Valli. La canzone riporta Marcella Bella al vertice delle classifiche e sarà oggetto di molte cover internazionali e remix.

Aria, ti respiro ancora sai nell’aria, ti scaccio ma ci sei
Voglia, tanta voglia dentro me
Una febbre che mi assale, io mi sento così male

Verso l’ignoto (1990)

Verso l’ignoto è il brano di Marcella Bella che apre gli anni Novanta dell’artista. Porta il nome dell’omonimo album, registrato a Londra con la collaborazione di Geoff Westley. La canzone è stata lanciata dalla partecipazione di Marcella con il fratello Gianni al Festival di Sanremo 1990. Nel 2010 il fratello della cantante è stato colpito da un ictus a cui è soppravvissuto, riportando però dei danni alla parola: “È sempre stato il mio idolo e dopo quell’evento mi ha dato l’ennesima lezione di vita”, ha detto Marcella Bella intervistata all’Adnkronos.

Va questo azzurro aereo va
Scintillante se ne va
E mi porta con sè verso l’ignoto

Fonte : Sky Tg24